NUOVO BLOG LIBERACRONACA2 da Italia bene comune di pochi n. 2240 del 20 e 21 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

E’ assicurato il diritto di replicare.

Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

NOTA STAMPA DEL VICESINDACO E ASSESSORE ALL’URBANISTICA VALENTINA SALVATORI IN MERITO ALLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE DEL MONTE COSTA

Seravezza_ Prendo atto che, nonostante un recente incontro pubblico e le spiegazioni già fornite anche sui giornali e sui social, si continuano a rimescolare le carte riguardo alle attività estrattive del Monte Costa. Per chiarire i termini tecnici e spiegare gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale sarò ben lieta di rispondere dettagliatamente in consiglio comunale alle interrogazioni annunciate dai gruppi di minoranza. Mi preme però dare subito alcune risposte pubbliche ai quesiti posti in questi giorni a mezzo stampa.

Innanzitutto il Comitato UNESCO non ha competenza sull’area estrattiva del Monte Costa, come abbiamo potuto verificare nel corso dell’istruttoria relativa alla cava Sbasso Confine. Interpellato proprio dal Comune di Seravezza, il comitato di pilotaggio del sito seriale UNESCO che include Palazzo Mediceo si è detto non competente al rilascio di pareri di questo tipo. A ciò si aggiunga che le attività estrattive in questione sono esterne all’area buffer soggetta a vincolo. Occorre precisare, peraltro, che nell’impossibilità di acquisire il parere, l’ufficio urbanistica ha comunque svolto un’attenta valutazione di compatibilità con la vicinanza del sito, impartendo specifiche prescrizioni. Chi continua ad invocare interventi o pronunciamenti dell’UNESCO lo fa pertanto in maniera del tutto strumentale.

Secondo punto, le procedure. Per il rilascio delle autorizzazioni il Comune di Seravezza non solo si attiene scrupolosamente alle normative (e valuta ovviamente anche i piani di coltivazione!) ma attua forme di cautela che vanno oltre le prescrizioni di legge, proprio come dimostra il tentativo di acquisire il parere del comitato di pilotaggio UNESCO sulla cava Sbasso Confine.

Sul fronte della trasparenza e della partecipazione non credo che si possa obiettare molto all’Amministrazione comunale di Seravezza: le due inchieste pubbliche svolte in passato dal Parco delle Apuane relativamente alla cava Cervaiole e alla cava Macchietta, il percorso partecipativo appena avviato sulla pianificazione dei bacini estrattivi previsti dal PIT e il recente incontro pubblico dedicato alla cava Sbasso Confine sonotutte iniziative che testimoniano l’attitudine e la volontà del Comune a coinvolgere ed informare la cittadinanza su queste tematiche. Inoltre, cittadini e forze politiche possono in qualsiasi momento fare accesso agli atti e, se vogliono, trovano sempre uffici ed assessori disponibili per richieste di informazione ed approfondimenti. Molti dei quesiti letti sui giornali in questi giorni avrebbero trovato facile risposta proprio chiedendo agli uffici, ai quali i consiglieri comunali hanno il diritto-dovere di rivolgersi.

Ultimo punto, le autorizzazioni. Non bisogna confondere i due percorsi – diversi e separati – che riguardano la cava Sbasso Confine da una parte e la Cava Medicea dall’altra. Nel primo caso le autorizzazioni sono già state rilasciate e riguardano l’escavazione di modeste quantità di un marmo di pregio che dopo anni viene riproposto sui mercati internazionali. I quantitativi sono molto limitati, così come l’impatto sul territorio, dato che si prevede un passaggio massimo di cinque camion al giorno. Per la Cava Medicea, invece, niente è stato ancora deciso perché la procedura amministrativa è tutt’ora in corso e al vaglio degli uffici comunali, i quali ritengono peraltro necessario acquisire anche l’autorizzazione paesaggistica, a seguito della recente inclusione del Monte Costa in area contigua di Parco. In ogni caso, va rimarcato che il Comune di Seravezza ha da tempo espresso il suo no all’escavazione di inerti, che quindi non potrà essere fatta neppure sul Monte Costa. Ciò che sarà possibile fare, in maniera funzionale all’escavazione di marmi ornamentali e alla messa in sicurezza dei versanti, sarà l’asportazione dei detriti che giacciono sui versanti stessi (a ridosso di un corso fluviale) e che mettono in pericolo
lo stesso bene UNESCO di Palazzo Mediceo. Per il Comune è proprio questo aspetto di messa in sicurezza del territorio e di salvaguardia del bene UNESCO ad essere preminente e che giocherà un ruolo importante – così come quello dei rumori e dell’impatto sulla viabilità dei mezzi di trasporto – nel bilanciamento dell’interesse pubblico con quello del privato nell’ipotesi di riapertura della cava.

Valentina Salvatori

Vicesindaco e Assessore all’Urbanistica

Seravezza, 19 agosto 2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SOLIDARIETA’ AL SINDACO DI MASSAROSA

Seravezza_Esprimo a nome mio personale e della mia Amministrazione la più fraterna solidarietà al collega Franco Mungai, sindaco di Massarosa, fatto oggetto in queste ore di un insensato quanto violento attacco sul piano personale e familiare. Ingiurie e minacce servono solo ad esasperare gli animi e ad acuire i problemi, non certo a risolverli. Impensabile poi che qualcuno pensi di ergersi a difensore della libertà e della sicurezza della comunità usando le armi della violenza, ancorché verbale. Mi auguro che tutti i cittadini di Massarosa e della Versilia facciano quadrato con i loro amministratori e con le istituzioni che essi rappresentano opponendo la forza del civismo, della solidarietà e della partecipazione democratica ad ogni tipo di sopruso e ad ogni tentativo di seminare odio.

Riccardo Tarabella, sindaco di Seravezza,addì 20.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^

SOLIDARIETA’ AL SINDACO MUNGAI

Massarosa_Anche se rappresentiamo idee diametralmente opposte e contrastanti esprimo la piena solidarietà al Sindaco Franco Mungai e alla sua famiglia. La vita privata e gli affetti devono sempre essere lasciati al di fuori del dibattito politico, che può sì essere aspro, ma non deve superare mai il limite del rispetto umano.

Elisa Montemagni

Consigliere regionale Lega Nord ,addì 20.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

POCHISSIMA PARTECIPAZIONE ALL’ 11° CONCERTO IN ONORE DEI MARTIRI DI MULINA DI STAZZEMA.

DSCN9501

DSCN9493

Stazzema_ Alla fine saranno state una ventina o poco più di persone quelle che ieri sera hanno assistito all’ 11° concerto in onore dei Martiri di Mulina di Stazzema, promosso dal Gruppo Labaro in collaborazione con l’Unità Parrocchiale Alta Versilia Due. Con sorprendente accortezza davvero cristiana le piante che addobbavano la chiesa durante la festività di San Rocco era state portate nella sala parrocchiale e messe al riparo, su frigoriferi e altro ,dai possibili “effetti deleteri” che poteva avere su di esse la musica in onore delle vittime del 1944. Sottolineato ciò, ieri sera è stato un alto momento di musica e di storia. La poesia San Rocco 1944, letta da Marzia Beluffi e scritta nel 1986 dal babbo Max, più trascorre il tempo e maggiormente diventa storia di Mulina, fra l’altro tramata di poesia. Uno spaccato del 1944 del paese e dei personaggi di allora, che dalle tre borgate, Calcaferro, Culerchia e Carbonaia, convergono verso la chiesa per partecipare alla processione di San Rocco, a quella processione che non si tenne ma che il prof. Max Beluffi l’ha voluta immaginare fra tromboni e bombardini della banda del paese, rendendola la processione di San Rocco più bella e più vera mai tenuta alle Mulina. Sicuramente profetica, considerato che nel 1986 don Fiore Menguzzo e le vittime di Mulina erano ancora avvolte nell’oblio. Una processione che sparisce alla curva del mulino e lascia avanzare sulla piazza della chiesa ormai deserta la figura di un giovane prete fatto a pezzi dai colpi di mitraglia e chiede di essere rammentato nelle preghiere. Anche ieri sera è stato rammentato e nella convinzione che le parole e la musica ascoltate siano state una preghiera. Un grande abbraccio e un sentito ringraziamento a Duccio Beluffi e alla moglie Beatrice Pomarico, musicisti dell’orchestra della Scala che con la loro arte musicale mantengono il legame affettivo con il paese di Mulina, così come ad Alba Tiberto Beluffi che con il marito Max, settantatré anni fa giovani fidanzati, furono attoniti testimoni della tragedia e conobbero don Fiore Menguzzo. Vogliamo ricordare le parole che oltre vent’anni fa l’Arcivescovo di Pisa Alessandro Plotti pronunciò ricordando il sacrificio di don Fiore Menguzzo: “ « [] Quindi uno splendido esempio di prete e di parroco, tanto più significativo perché prete e parroco soltanto ventottenne. Un esempio, comunque, che non bisogna assolutamente dimenticare, perché i giovani d’oggi – che non hanno conosciuto gli orrori della guerra – poco o nulla sanno, e spesso in modo distorto, del perché uomini come don Fiore Menguzzo abbiano affrontato la morte come compendio estremo della loro missione sacerdotale.»

Giuseppe Vezzoni,addì 20.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

I BELUFFI E LE MULINA

DSCN9499

DSCN9508

Stazzema_ Parlare dei tragici fatti di Mulina, qui dove l’eccidio si è consumato, è, direi, rischioso dopo le esaurienti e benemerite pubblicazioni di Giuseppe Vezzoni che ha ricostruito i tragici fatti tirando fuori dall’oblio le vittime che per 47 anni erano state dimenticate. Mi limiterò ai miei ricordi personali, dato che sono una dei pochissimi sopravvissuti. A Mulina di Stazzema sono legata fin dai tempi del fidanzamento. Correva l’anno 1943 ed io ero una ragazzina precocemente fidanzata a Max Beluffi, vostro compaesano, allora, come me, ancora un liceale. Ho conosciuto don Fiore che ricordo come un giovane sacerdote d’avanguardia e la sua nipotina che veniva in casa Beluffi per prendere lezioni di piano da Max. Ho visto poi la canonica ancora fumante, la casa Beluffi requisita dai tedeschi devastata e sono salita a Sant’Anna quando l’odore di bruciato persisteva ancora nell’aria. Dire il senso di lutto che ho provato allora è impossibile ma quei ricordi sono dentro di me come se il tempo non fosse mai passato.

Giuseppe mi ha invitato anche a parlare dei legami fra la famiglia Beluffi e il paese. La casa dove abitava la famiglia, oggi trasformata, per volontà di mio marito e mia, in un bel condominio, è chiamata Villa Antonia, ma la gente la chiama il Palazzo. E’ un bell’edificio costruito nel 1904 dal cav. Luigi Beluffi che qui volle la casa di campagna per stare vicino al cognato, fratello della moglie Antonia. Il cognato del cavaliere si chiamava Don Forli ed è stato sacerdote di questa parrocchia per molti anni. Io non l’ho conosciuto, ma so che era amico personale del cardinal Maffi che veniva spesso a riposarsi all’aria fresca del paese. Nel palazzo aveva la sua stanza con un bel letto che oggi, dopo vari traslochi, è diventato il mio letto. La famiglia Beluffi era molto religiosa. Mia suocera, la signora Ada istruiva i bimbi quando dovevano fare la Comunione e confezionava anche l’ abitino per la cerimonia a qualche bimbetta del paese. Suonava il piano, aveva una bella voce e volentieri cantava pezzi d’opera. I miei figli Graziano e Duccio hanno preso anche da lei l’inclinazione alla musica. Suo figlio, fratello di mio marito, per anni ha abitato in questa casa dove svolgeva la sua professione di medico condotto. Il dott. Beluffi lo ricordano ancora in tanti. Dopo tanti anni di assistenza ai suoi malati è morto in servizio.

Ringrazio Duccio e Beatrice che stasera hanno continuato in modo esemplare la tradizione di attaccamento al paese della famiglia Beluffi suonando nella chiesa dove ci sono le panche donate dai bisnonni con inciso il nome di famiglia.

Termino presentandovi il mio nipotino che porta il nome di mio marito Max e che ama già molto venire in questi luoghi dove ci sono le sue radici e dove naturalmente c’è anche il ristorante Da Luciana.

Con lui vi saluto e vi ringrazio per la cortese attenzione.

Alba Tiberto Beluffi,addì 19.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

INTERVENTO IN OCCASIONE DELL’ XI CONCERTO DELLA MEMORIA DEI MARTIRI DI MULINA DI STAZZEMA

(Chiesa di San Rocco di Mulina,19 agosto 2017)DSCN9491

Costituzione del Gruppo Labaro

Il 19 febbraio 1997, con lettera costitutiva posta al Prot. com. di Stazzema n.1247, Gigliola Gasperi, Marino Gherardi, Giuseppe Vezzoni, Vasco Rossi, Annamaria Lissona, Angelo Leonardi, Rossella Pardini e Silvano Bartolucci dettero vita al Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazema. Aderirono (firmando) all’iniziativa, senza però l’impegno a presenziare alle riunioni, Marcello Bertocchi, Natalizia Moriconi ed Ermelinda Moriconi. Un abitante di Mulina firmò inizialmente l’adesione, poi, vista l’ostilità alla costituzione del Gruppo Labaro, ritirò la firma. Durante questi vent’anni sono mancati Marcello Bertocchi, Natalizia Moriconi, Ermelinda Moriconi, Marino Gherardi, Vasco Rossi.

Realizzazione del Labaro

Il 17 agosto 1997 l’allora Arcivescovo di Pisa, Mons. Alessandro Plotti, benedì solennemente il Labaro Martiri di Mulina di Stazzema. Per l’occasione fu spostata la data della 7ª commemorazione del 53° anniversario della strage al 17 agosto anziché tenerla l’11. Il labaro fu realizzato con un contributo comunale di lire un milione e con una raccolta fondi a cui parteciparono i famigliari delle vittime di Mulina e 19 residenti del paese, oltre a don Donato Morosini. Fu raccolta una somma di 3 milioni e 150mila lire per una spesa di 2 milioni e 182mila lire. La somma eccedente raccolta fu 978mila lire.

Realizzazione monumento a don Fiore Menguzzo

A seguito del conferimento alla memoria di don Fiore Menguzzo della medaglia d’oro da parte del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ( 15 novembre 1999), il denaro rimasto in cassa del Gruppo Labaro sarà destinato alla realizzazione del monumento e a tutto ciò servì per l’inaugurazione: bandierine, pieghevoli, bandiere, fiori ecc. L’opera, comprendente il busto bronzeo realizzato da Romano Cosci, la mensola di cipollino e la scolpitura sul marmo della motivazione della medaglia d’oro , fu inaugurata l’8 luglio 2000 con una solenne cerimonia religiosa e civile che si tenne nel Campo della Rimembranza di Mulina ,durante la quale il Prefetto di Lucca consegnò la Medaglia d’Oro nelle mani della signora Maria Augusta Baldasari, nipote di don Fiore Menguzzo. Stavolta non ci furono fondi pubblici e la spesa fu coperta unicamente attraverso le elargizioni spontanee che riusciì a raccogliere il Gruppo Labaro. Coloro che dettero il contributo sono ricordati in un documento custodito dentro una bottiglia di vetro murata dietro il monumento.

Il marmo fu donato da Vasco Rossi;

Claudio Polidori fornì gratutitamente l’opera di muratura e di sistemazione della ringhiera presso il campanile, dove inizialmente doveva essere collocato il monumento.

Lo Studio Tecnico di Amerigo Guidi redì gratuitamente il progetto della collocazione del monumento da presentare alla Sovrintendenza.

Lo Studio d’Arte di Giancarlo Deri ,presso il Ponte della Scolina, a Seravezza, predipose gratuitamente la foratura della lapide per fissarla e del basamento su cui il busto

Mons. Aldo Martinelli donò la ringhiera e, forse, la somma di 500 mila lire che disse di aver ricevuto da una persona che voleva restare anonima.

Le entrate furono di 5 milioni 189.000 lire; le spese di £. 3 milioni e 830.000.

Le adesioni scritte furono 76, mentre gli oblatori furono 77, di cui 36 residenti a Mulina e 41 in altre località.

Le adesioni al Comitato d’Onore Medaglia d’Oro don Fiore Menguzzo furono 76.

Il Gruppo Labaro, con i soldi rimasti in cassa, ha in seguito provveduto, dietro richiesta esplicita di don Morosini, ha pagare la messa a norma dell’impianto elettrico della chiesa di Mulina. La documentazione dell’intervento e la fattura sono conservate nell’archivio della chiesa di S.M.Assunta di Stazzema.

Inoltre il Gruppo Labaro donò 100mila lire a sostegno di una raccolta fondi a favore di una famiglia bisognosa.

Con il denaro raccolto e la donazione annuale da parte della Banca della Versilia Lunigiana e Garfagnana il Gruppo Labaro ha promosso tantissime iniziative culturali a Mulina di Stazzema. Oltre ai concerti della memoria, le manifestazioni culturali, gli addobbi floreali della chiesa fino al 2014, anno in cui il sindaco Maurizio Verona sollevò il Gruppo Labaro a interessarsi della cerimonia dell’11 agosto.

Tra gli eventi fiori all’occhiello promossi dal Gruppo Labaro c’è la presentazione, in prima assoluta per la Versilia, del progetto internazionale L’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia. Presentazione che si tenne il 16 luglio 2016 in questa chiesa e che ancora non è avvenuta a Sant’Anna di Stazzema.

Durante questi vent’anni, il Gruppo Labaro ha portato la frazione di Mulina e la chiesa di San Rocco nella storia resistenziale italiana. Il merito non è soltanto del Gruppo ma va condiviso fra i tanti compagni di viaggio incontrati, come la Famiglia Beluffi , che è sempre stata vicina a questo percorso di risarcimento storico e morale a favore delle vittime civili dell’agosto 1944, restate dimenticate per ben 47 anni, così come in una tesina di maturità ha inteso ribadire quest’anno una giovane studentessa di Stazzema.

Grazie a tutti e ai sacerdoti e vescovi incontrati lungo questo percorso di valorizzazione della memoria delle vittime civili di Mulina: mons. Emilio Barsottini, mons. Nello Pochini, mons. Aldo Martinelli, mons. Danilo D’Angiolo, don Florio Giannini, don Donato Morosini, don Sergio Orsucci e don Simone Binelli; Vescovo di Volterra mons. Vasco Giuseppe Bertelli, il primo vescovo venuto a celebrare la commemorazione dei martiri; Arcivescovi di Pisa, mons. Alessandro Plotti, e mons. Giovanni Paolo Benotto.

Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema

Mulina di Stazzema,addì 19.8.2017

NUOVO BLOG LIBERACRONACA2 da Italia bene comune di pochi n. 2239 del 19 e 20 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

E’ assicurato il diritto di replicare.

Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Stasera XI Concerto della Memoria dei Martiri

di

Mulina di Stazzema

Chiesa di San Rocco

Ore 20:45

Locandina Concerto della Memoria 19 agosto 201720170819_181518cc

Ottavo concerto della memoria a Mulina di Stazema 006^^^^^^^^^^^^^^^^

RICORRENZE: PIETRASANTA RICORDA L’ECCIDIO DI BARDINE SAN TERENZO MONTI

Commemorato il 73° anniversario della strage. 53 le vittime rastrellate in VersiliaFoto Commemorazione San Terenzo

Pietrasanta_ Una cerimonia per non dimenticare. A 73 anni di distanza, Pietrasanta ha ricordato l’eccidio di Bardine San Terenzo Monti, dove il 19 agosto 1944 furono uccisi 53 ostaggi rastrellati in Versilia a Valdicastello il 12 agosto, subito dopo la strage di Sant’Anna di Stazzema. La celebrazione è stata officiata dal parroco del Duomo, Monsignor Stefano D’Atri, di fronte alla cappella del cimitero che raccoglie le spoglie dei 53 uomini fucilati dalle SS, molti ancora in giovane età. Al rito hanno preso parte le associazioni combattentistiche e d’Arma, alcuni parenti e discendenti delle vittime. Presente, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, l’assessore Lora Santini che ha deposto una corona d’alloro in memoria dei caduti.

 “Abbiamo il compito di difendere la memoria – ha detto Lora Santini – per far comprendere alle nuove generazioni l’orrore della guerra, che purtroppo oggi si ripropone in altre forme, altrettanto terribili. Le istituzioni hanno il dovere morale di preservare il ricordo dei nostri anziani per fare in modo che il passato non si ripeta. Oggi, all’indomani degli attentati di Barcellona, essere qui è ancora più toccante e acquista un nuovo significato”.

Il consigliere comunale Matteo Marcucci ha partecipato alla cerimonia solenne che si è tenuta a Bardine di San Terenzo, dove lo stesso giorno furono trucidati altri 107 civili, bambini, donne e anziani, fatti prigionieri in località Valla, a pochi passi dal borgo della Lunigiana.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 19.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

FOGNE E ACQUEDOTTO: LAVORI IN PARTENZA A CAPEZZANO E CAPRIGLIA, ADDIO ALLE ANNOSE CRITICITÀ 

L’amministrazione Mallegni trova l’accordo con Gaia. Investimento da 90mila euro a carico del gestore del servizio idrico 

Foto Sopralluogo Fognature Capezzano Capriglia 2

Pietrasanta_Un impegno concreto per risolvere i problemi sulla rete idrica e fognaria che le frazioni a monte si portano dietro da decenni. Gaia ha appena annunciato la partenza dei lavori a Capezzano Monte e Capriglia, dopo mesi di trattative avviate dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni. Una partita seguita direttamente dal vicesindaco Daniele Mazzoni, che si è conclusa con l’accordo per uno stanziamento di 90mila euro sugli interventi necessari, appena deliberato dal Consiglio di Amministrazione della società. “A febbraio scorso, durante l’incontro con gli abitanti delle due frazioni – spiega Mazzoni – mi ero preso il preciso impegno di risolvere questi problemi, che si trascinano da almeno vent’anni. Sono seguiti incontri con i tecnici, sopralluoghi di uffici e personale di Gaia, incontri con la governance della Spa. Finalmente sono stati trovati i finanziamenti per realizzare le opere e in autunno saranno aperti i cantieri”.  

Con una spesa di 40mila euro sarà migliorata la rete di distribuzione dell’acqua in località Rebuto, dove la rete pubblica sarà collegata a una tubazione già esistente, operazione a cura del gestore del servizio idrico integrato per garantire livelli di servizio adeguati. All’intervento sull’acquedotto di Capezzano Monte si aggiungeranno i lavori sulla fognatura nera a Capriglia per un importo di 50mila euro. In via della Chiesa saranno posate nuove condotte destinate a convogliare le acque nere, evitando che gli scarichi possano confluire nella fognatura bianca con gravi conseguenze ambientali. La nuova tubazione servirà una decina di utenti.

Capriglia sarà definitivamente libera da cattivi odori e sversamenti – dice Mazzoni – a beneficio di decoro, qualità della vita dei residenti e tutela ambientale. Rebuto si lascerà alle spalle l’annoso problema della carenza idrica in estate. Un cittadino della zona – ricorda il vicesindaco – mi aveva detto che da anni ricevevano promesse, le nostre sono state mantenute. Oggi questi interventi sono realtà. Le frazioni ci avevano chiesto di ripristinare il vincolo cimiteriale, di reintrodurre la possibilità di costruire seminterrati in collina e d’intervenire su fogne e acquedotto. A questo punto la maggior parte delle richieste avanzate durante gli incontri sul territorio hanno avuto una risposta. Il bilancio credo possa definirsi ampiamente positivo”.

Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore ai Lavori Pubblici, Simone Tartarini: “La concertazione produce azioni tangibili. Gaia è una realtà aziendale importante e un interlocutore affidabile in un’ottica di reciproco rispetto dei ruoli”.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 19.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMERCIO: A PIETRASANTA APRE CUTIE PIE PETS, ACCESSORI DI LUSSO PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE

Foto inaugurazione Cutie Pie Pets (1)

La boutique per cani, gatti e maialini è stata appena inaugurata in piazza Crispi. La Piccola Atene sempre più animal friendly

Pietrasanta_ Gli accessori più fashion e le migliori delizie per i nostri amici a quattro zampe. A Pietrasanta ha appena aperto i battenti Cutie Pie Pets, luxury boutique per cuccioli, che si è trasferita da Forte dei Marmi nel cuore della Piccola Atene. Il negozio, un piccolo tempio del glamour declinato in chiave pets, è stato inaugurato in piazza Crispi, alla presenza dell’assessore Andrea Cosci. In una Pietrasanta sempre più animal friendly non poteva mancare un punto vendita dedicato ai nostri inseparabili compagni di vita, che siano cani, gatti o maialini. L’atelier di Emanuela Munzone veste tutte le taglie, dai chiwawa toy ai pastori maremmani, con piumini griffati, maglioncini in lana cachemire e anche abiti da cerimonia. Un vero e proprio paradiso per i quattro zampe e per i loro proprietari, che possono trovare cucce superchic, ciotole personalizzate, collarini tempestati di glitter, perfino il salvagente da barca per cagnolini abituati alla vita da yacht.

Cutie Pie Pets punta sui prodotti top di gamma a prezzi accessibili e commercializza solo brand made in Italy, con un occhio di riguardo al made in Tuscany, oggi gettonatissimo. In vendita anche ghiottonerie per cuccioli golosi, dai biscottini ai pop corn, dalle pizzette fino allo campagne per cani. Il negozio promuove anche eventi a tema, con happy hour formato quattro zampe e incontri con istruttori ed educatori, pronti a dare tutte le dritte utili per crescere al meglio i nostri piccoli amici.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 19.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMERCIO ABUSIVO: ALTRI SEQUESTRI AL MERCATO DI TONFANO, UN MAGREBINO IDENTIFICATO

Operazione coordinata dal sindaco Massimo Mallegni Sul posto gli agenti della Polizia Municipale

Pietrasanta_ Nuovo sequestro di merce contraffatta a Pietrasanta, questa volta al mercato settimanale di Tonfano. Il bilancio è di un venditore abusivo di origine magrebina fermato e condotto al Comando di Polizia Municipale per accertamenti. Sul posto, nella zona adiacente al parcheggio di via Donizetti, sono intervenuti due agenti con il capitano Giovanni Iacobucci e il sindaco Massimo Mallegni, che ha lanciato e coordinato l’operazione. Non si è trattato di un blitz o di un intervento spot, ma di un’azione inserita nell’ambito dei controlli e sequestri che ogni giorno vengono messi in atto sul litorale e nel cuore della Piccola Atene contro il fenomeno dell’abusivismo commerciale. Il sindaco come sempre è in prima linea: “Metterci la faccia è obbligatorio – ha detto Mallegni – Troppo facile nascondersi dietro decreti e ordinanze. Dare l’esempio alle Forze dell’Ordine è fondamentale, non possiamo e non dobbiamo lasciarli soli. I nostri uomini sono pochi, male armati e non sarebbe giusto abbandonarli”

Allontanati dall’area mercatale anche venditori ambulanti che non rispettavano l’occupazione del suolo pubblico. “Dobbiamo tutelare, oltre agli operatori commerciali – ha proseguito Mallegni – anche quelli del mercato, che con regolare bando di gara ottengono il parcheggio decennale. E’ fondamentale dare un segnale a quegli imprenditori e piccoli negozianti che pagano tasse profumate e costi del lavoro quasi insostenibili. Difendere il commercio significa difendere lo sviluppo e l’occupazione, non solo gli interessi di una categoria. Abdicare a questo principio significa mandare il rovina l’intero paese, cosa che purtroppo in questi anni la sinistra è riuscita a fare con le politiche portate avanti a livello locale e nazionale. Il buonismo non serve a nessuno, serve solo a incentivare l’illegalità”.

Nel mirino del primo cittadino anche la carenza di uomini e mezzi per garantire l’ordine pubblico: “Il decreto Minniti – ha spiegato Mallegni – si è rivelato inefficace così come il decreto sull’immigrazione e le Ong. L’immigrazione è calata nel mese di luglio quando ancora non si era sottoscritto quel protocollo. Gli sbarchi si sono ridotti soltanto per l’attività di difesa delle coste da parte della polizia e delle motovedette libiche. Per superare il problema l’unica soluzione è investire in Africa come dice il presidente Tajani. Il piano Marshall indicato dal presidente Berlusconi continua ad essere la sola scelta percorribile, lo ha dichiarato ieri anche Walter Veltroni, a margine di un’intervista alla Versiliana”.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 19.8.2017

NUOVO BLOG LIBERACRONACA2 da Italia bene comune di pochi n. 2238 del 18 e 19 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

E’ assicurato il diritto di replicare.

Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

SPIAGGE: MAXI PULIZIA SUL LITORALE, RIENTRATA L’EMERGENZA LAVARONE

11 ore d’intervento, oltre 100 tonnellate rimosse in una notte. Sale a 1.400 il monte tonnellate asportate da inizio stagione

Foto Lavarone rimosso

Pietrasanta_ Notte di lavoro sul litorale di Tonfano per superare l’emergenza lavarone. Sei mezzi in funzione sulla battigia tra trattori, ruspe e pale, a cui si aggiungono i due camion di Ersu che hanno fatto la spola tra la spiaggia e l’impianto di trattamento del materiale rimosso. 11 ore d’intervento coordinato da Comune di Pietrasanta e Consorzio Mare Versilia; 100 tonnellate asportate dal bagnasciuga, che fanno salire il monte complessivo a 1.400 tonnellate di alghe spiaggiate smaltite da inizio stagione. Le operazioni si sono concluse poco dopo le otto di mattina, con il via libera del vicesindaco Daniele Mazzoni, arrivato di buonora sulla spiaggia libera di Montrone per monitorare la situazione, insieme al presidente dei balneari, Francesco Verona.

Siamo riusciti a far fronte all’ondata eccezionale di lavarone – ha detto Mazzoni – e ora la spiaggia è sgomberata, pronta ad accogliere i bagnanti. La presenza di questa enorme quantità di alghe dimostra che il mare è vivo, ma è incompatibile con la vocazione turistica del nostro arenile, che deve essere pulito e in perfette condizioni di decoro. Le operazioni sono state difficoltose, ma la sinergia di forze in campo ci ha consentito di rendere un servizio in tempi record alle imprese del settore balneare, in un momento cruciale della stagione”.

I bagnanti, già pronti a occupare il loro posto in spiaggia, hanno apprezzato il risultato dell’intervento. “Abbiamo concentrato la grande mole di lavoro nelle ore notturne – ha spiegato Mazzoni – per non creare problemi a quanti hanno scelto il nostro litorale per trascorrere le vacanze. L’immagine del nostro arenile pulito è il miglior biglietto da visita per convincere i turisti a tornare anche il prossimo anno”.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì18.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

MISS ITALIA: LA PIETRASANTINA FEDERICA NAVARI IN LIZZA PER IL TITOLO DI MISS TOSCANA.

Elezione nella serata del 22 agosto. Ecco come sostenerla nel concorso “Vota la miss” del quotidiano La Nazione

Foto Federica Navari Miss Toscana

Pietrasanta_Una pietrasantina in corsa per il titolo di Miss Toscana. La bella e bionda Federica Navari è in gara per la prestigiosa fascia regionale, che è il lasciapassare per la finale del concorso Miss Italia 2017, in programma il prossimo 9 settembre al Pala Arrex di Jesolo. Un traguardo importante, che potrebbe portare la nostra Federica alla conquista del titolo più ambito, nel corso della diretta su La7. La fascia di Miss Toscana sarà assegnata nella serata del 22 agosto.

Per sostenere Federica nel concorso “Vota la Miss” del quotidiano “La Nazione”, basta inviare una mail all’indirizzo votalamiss@lanazione.net, inserendo nel testo il nome Federica Navari con il numero 3. All’incantevole Federica un sincero in bocca al lupo perché possa diventare la testimonial della bellezza made in Pietrasanta, un’ambasciatrice della Piccola Atene nel mondo della moda e della tv.  

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì18.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SPORT: TONFANO, IL REEF È QUI. GRANDE SUCCESSO DEL NIMBUS SURF HERO 2017

60 baby surfisti a caccia dell’onda perfetta. Madrina d’eccezione l’assessore Cinzia Crivelli

Foto Premiazione Nimbus

Pietrasanta_Piccoli surfisti crescono. Boom di partecipanti per il Nimbus Surf Hero 2017, contest per baby boardrider che si è svolto sul litorale di Marina di Pietrasanta. Un evento che ha richiamato oltre 60 atleti da tutta la riviera. Una straordinaria giornata di sport e divertimento, organizzata da Nimbus Surfing Club di Tonfano e Massasurfing Surf School di Cinquale. La gara, riservata alle categorie Under 12 e Under 14, ha portato sul podio 12 aspiranti surfisti, premiati dalla madrina d’eccezione e assessore Cinzia Crivelli. L’iniziativa ha registrato un picco nella partecipazione dei giovanissimi, a partire dai 5 anni in su, segno che la pratica del surf è sempre più diffusa. Record assoluto anche sul fronte delle iscrizioni femminili, a testimonianza del crescente numero di ragazze che si avvicinano a questo sport. In serata festeggiamenti fino a notte inoltrata, con un mega surf party che ha conquistato grandi e piccini. Nel corso del finale in spiaggia sotto le stelle, è stato proiettato il documentario sul surf in Versilia, dal titolo “Siv”, realizzato da Giacomo Francesconi. Chiusura con il botto ed estrazione della lotteria che ha visto in palio, neanche a dirlo, una tavola da surf offerta da Ola Surf Board. Per tutti i bambini in omaggio magliette da veri boardrider regalate da Indiana Sup. Il team delle associazioni, coordinato dal mitico Francesco Barbi, ringrazia anche gli altri sponsor dell’iniziativa: Wave Shop, Banca di Credito Cooperativo, La Buca di Pietrasanta, Kooka Sushi di Forte dei Marmi.

Ecco i campioncini dell’onda. Best Trick: Lorenzo Della Pina (Massa Surfing); Donne Under 12: 1° posto Emma Michelucci, 2° Mia Pavoni; Donne Under 14: 1° posto Ginevra Antonelli, 2° Francesca Carbone (Nimbus), 3° Eleonora Gigli (Nimbus); Uomini Under 12: 1° Edoardo Marsili (Nimbus), 2° Pietro Menici, 3° Paolo Mantini; Uomini Under 14: 1° Tommaso Pavoni, 2° Filippo Marullo, 3° Pier Luigi Pezzini.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì18.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

V TROFEO PAOLO CONTI: CLASSIFICHE ASSOLUTA E DI CATEGORIA

Stazzema_Buongiorno,come accordi, allego classifiche.

Cl. Categoria

Cl. Assoluta

Campioni Toscani Cronometro di Montagna Pontestazzemese-Farnocchia

W1  LUNARDINI ALICE

W2  MAZZANTI LUCILLA

ELMT PIVANO BERNARDO

M2  DEL MEDICO ANDREA

M3  COLICCI GIANLUCA

M4 GALEOTTI DANIELE

M5 BROTINI DAVID

M6 PISANI GIANFRANCO

M7 BUONSIGNORI FABRIZIO

M8 GUASTALLI MARIO

Saluti

Bertellotti Giancarlo, Pedale Pietrasantino, addì 18.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

I FATTI DI MULINA E DI SANT’ANNA NELLA TESINA DI MATURITÀ DI UNA GIOVANE STUDENTESSA STAZZEMESE

Stazzema_ Una giovane studentessa stazzemese, C.L., ha concluso il suo percorso di studi liceali presso lo Scientifico Michelangelo di Forte dei Marmi presentando e discutendo la tesina di maturità avente per oggetto don Fiore Menguzzo e la strage di Mulina di Stazzema nel contesto della strage del 12 agosto 1944, più conosciuta come la strage di Sant’Anna di Stazzema. Il lavoro fatto dalla giovane ha avuto come riferimento anche i libri scritti da Giuseppe Vezzoni. Fa veramente piacere leggere questi due motivazioni che la giovane studentessa ha sentito il bisogno di esprimere:

« Prima di parlare dei fatti di Sant’Anna di Stazzema voglio ricordare altri eventi avvenuti nel comune di Stazzema, il comune in cui io vivo, che sono meno noti rispetto ai fatti di Sant’Anna, ma non per questo, a mio parere,​ ​meno​ ​importanti. »

« Ho deciso parlare di questi fatti perché le varie amministrazioni del Comune di Stazzema li hanno taciuti​ ​per​ ​ben​ ​47​ ​anni. »

Questa tesina di maturità coglie in pieno l’essenza del dovere di fare memoria, che non può essere condizionato dal numero dei morti da ricordare e da onorare a seconda i contesti più o meno conosciuti.

Giuseppe Vezzoni ringrazia la studentessa stazzemese per aver onorato la memoria della figura di don Fiore Menguzzo e dei suoi famigliari ma anche per aver preso come riferimento i suoi libri per trattare le vicende avvenute a Mulina e seguito il consiglio datole dal prof. Alfredo Barberi.

L’anno scorso fu la volta di una studentessa del Dell’Istituto Don Lazzeri di Pietrasanta a chiedere l’utilizzo del testo scritto da Giuseppe Vezzoni su don Innocenzo Lazzeri per la sua tesina di maturità. Non tramonta neppure la speranza che prima o poi possa essere fatta una tesi di laurea sul lavoro di ricerca pluridecennale fatto da Giuseppe Vezzoni

Giuseppe Vezzoni,addì 18.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DOMANI SERA A MULINA XI CONCERTO DELLA MEMORIA IN ONORE DEI MARTIRI DELLA FRAZIONE NEL VENTENNALE DEL GRUPPO LABAROXI Concerto della memoria dei Martiri. La Nazione 19 agosto 2017

Articolo da La Nazione del 19.8.2017

Ottavo concerto della memoria a Mulina di Stazema 006

Stazzema_ Domani, sabato 19 agosto, con inizio alle 20,45, presso la chiesa di San Rocco di Mulina di Stazzema si terrà l’XI concerto alla memoria dei martiri della frazione. I musicisti dell’ Orchestra della Scala, Duccio Beluffi (violino/viola) e Beatrice Pomarico (violoncello) eseguiranno questi brani:

1) Giuseppe Tartini: Sonata in sol minore opera 1 n° 10  detta “Didone abbandonata” (Affetuoso – Allegro vivace – Allegro)

2) Arcangelo Corelli: Sonata in mi mi minore op. 5 n° 8 (Preludio Largo – Allemanda Allegro – Sarabanda Largo – Giga Allegro)

Marzia Beluffi leggerà la poesia scritta il 16 agosto 1986 dal padre, prof. Max : San Rocco’ 44 (1986)

La prof.ssa Alba Tiberto Beluffi effettuerà un breve intervento conclusivo ricordando il legame che esiste tra la Famiglia Beluffi, il paese di Mulina di Stazzema e i tragici fatti dell’agosto 1944. L’iniziativa è promossa dal Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema in collaborazione con l’Unità pastorale Alta Versilia Due.

(Articolo riproposto da Libera Cronaca n. 2236)

Foto di repertorio: Ottavo concerto della memoria

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

PEDALATA ODIERNA: MULINA, SERAVEZZA, ROTONDA VIA ALPI APUANE, PONTE DI TAVOLE, VIALE APUA, ROTONDA VIA DI SCORRIMENTO, ROTONDA CURVE DI MOTRONE, CICLI ALIVERTI, PIAZZA DUOMA A PIETRASANTA, LA RISVOLTA, MULINA.

DSCN9477

DSCN9478

Dopo le salite a Stazzema e Farnocchia di ieri e a Farnocchia del giorno prima, stamani abbiamo voluto far girare la gamba lungo un percorso per gran parte pianeggiante eccetto il rientro a Mulina. Il caldo, specie nel tratto Ruosina- La Risvolta si è fatto avvertire sulle gambe un poco legnose per gli sforzi compiuti nei giorni precedenti, tanto che il chilometro in salita da Pontestazzemese a Mulina l’abbiamo fatto passando alla moltiplica piccola. A mezzogiorno la strada era un forno.DSCN9483DSCN9480

Giuseppe Vezzoni,addì 18.8.2017

NUOVO BLOG LIBERACRONACA2 da Italia bene comune di pochi n. 2237 del 17 e 18 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

E’ assicurato il diritto di replicare.

Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

ATTENTATO A BARCELLONA: 13 VITTIME, MA IL NUMERO È DESTINATO A SALIRE.

Un furgone ha falciato verso le diciassette la folla a passeggio sulla rambla. Ci sarebbero tredici vittime ma la fonte ufficiale parla di un morto. Pertanto bisogna attendere il bilancio effettivo di morti che ha causato questo ennesimo attentato, che come un’arma micidiale e non facilmente individuabile fa uso di mezzi a quattro ruote.

Confermati  i 13 morti,mentre i feriti sono 80. (ore 22,30)

Aggiornamento: 14 morti,130 feriti. Due italiani fra le vittime. ore 12,30 del 28 agosto 2017

Giuseppe Vezzoni,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

MANIFESTAZIONE DI DOMANI A MASSAROSA

Parlo da cittadina nata e cresciuta a Massarosa e come cittadina do la mia adesione al corteo del 18 sera. Prendo le distanze da chi ha tentato di mettere “il cappello politico” su una manifestazione nata spontaneamente dalla gente.

Quando si muove il popolo le persone dovrebbero essere solo persone, questo è l’invito che ci è stato rivolto da chi ha organizzato questo corteo e questo è quello a cui intendo aderire. Non devono esserci colori o marchi politici ma solo persone (spero tante) che pacificamente chiedono sicurezza. Ringrazio Elisabetta Puccinelli e Marzia Lucchesi per aver organizzato questa iniziativa e dico soprattutto a chi viene da altro Comune che ci sono momenti in cui e meglio tacere e partecipare non perché ce lo richiede un partito o un movimento politico ma perché ce lo indica la nostra coscienza, avrete altro modo per farvi pubblicità ma a nessuno deve essere permesso di mancare di rispetto a quei cittadini che spontaneamente si sono attivati.
A Massarosa siamo e saremo così anche il 18: tutti cittadini.

Da Elisa Montemagni,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DESIATA, IL SINDACO DECIDA: NAVETTA SÌ O NAVETTA NO?

Seravezza – C’è da restare alquanto disorientati nel leggere le recenti e contraddittorie dichiarazioni del sindaco di Seravezza Riccardo Tarabella – tempo addietro uno dei più convinti sostenitori del bus navetta – il quale, in merito ai turisti che a Ferragosto raggiungevano a piedi l’oramai celebre “Pozzo della Madonna”, ha detto che «Nessuno ha lamentato l’impossibilità di accedere con la propria auto né l’assenza di servizi di mobilità alternativa», che poi sono i bus navetta che proprio da Ferragosto erano fermi per via di un contenzioso.

Ma solo 24 ore prima lo stesso identico sindaco aveva invece annunciato il proposito di affidare il servizio navetta direttamente al comune (quindi navetta sì?). Ed è ancora lo stesso Tarabella a contraddire sé stesso quando afferma che «Quello della Valle del Serra è un pubblico […] che non cerca la comodità, quanto un contatto vero e diretto con l’ambiente naturale» (quindi si va a piedi? navetta no?).

Caro sindaco, con tutto il rispetto che le è dovuto – ricordandole sommessamente che la fin qui maldestra gestione di questa vicenda le è già costata la perdita di un consigliere di maggioranza, passato all’opposizione – potrebbe cortesemente dirci qual è il suo progetto per la Desiata? Ne ha uno?

Davvero dobbiamo credere che in Italia è impossibile trovare un pulmino privato, in regola e adeguatamente autorizzato, che possa svolgere il servizio? Roba da terzo mondo, verrebbe da dire.

Infine – mi perdoni – ma mi vengono i brividi lungo la schiena pensando ai criteri che potreste applicare per gestire questa “navetta comunale” da lei ipotizzata. Forse sono troppo sospettoso, ma è pur vero che ad avvalorare le mie preoccupazioni ci sono dei precedenti ben noti a tutti, e cioè le molte e discutibili assunzioni avvenute proprio durante la sua “sindacatura” e che sono già state oggetto di giuste critiche da parte di tutte le forze d’opposizione.

Francesco Speroni

Lega Nord – Seravezza,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

PATTO CIVICO SULLA VICENDA DELLE NAVETTE PER LA DESIATA

Seravezza_La vicenda delle navette per la Desiata è una brutta figura dell’amministrazione, che purtroppo causa un danno di immagine per l’intero Comune.
Una risorsa enorme, quella della Valle del Serra, vissuta però come un problema. E quindi gestita male. Preoccupati della gestione di questa fascia meravigliosa del Comune di Seravezza, i consiglieri di Patto Civico hanno presentato due interrogazioni in Consiglio Comunale nel 2016 e nel 2017 e sono intervenuti più volte sull’argomento. Anche avanzando delle proposte, che ovviamente sono state inascoltate.

Interessante andarsi a rileggere le risposte dell’Amministrazione, che addirittura aveva studiato una “sperimentazione tre fasi”, una prima il 31 luglio 2016, una seconda dal 6 agosto, una terza “che contempla la realizzazione di una piccola brochure con percorsi delle navette, orari e info utili nonché la messa a punto della segnaletica e della sorveglianza”.
Per concludere: “Ci metteremo fin da domani al lavoro per elaborare un progetto ragionato da attuare nell’estate 2017”, “un progetto che coinvolga le associazioni turistiche, le organizzazioni sportive e del tempo libero, ma anche il Parco delle Apuane e gli altri enti che hanno competenza sul territorio”.
Poi succede che per il 2017 l’Amministrazione decida per non decidere niente, che il servizio non venga regolamentato, che vi siano rotture all’interno della maggioranza e che, simbolicamente, il giorno di Ferragosto, il clou dell’estate, la tanto decantata navetta non ci sia.
Questa brutta pagina dovrebbe far riflettere Sindaco e Giunta (almeno la metà degli assessori ha competenze sulla Desiata): parlare un po’ meno, evitare i toni enfatici che poi diventano strafalcioni e, ogni tanto, ascoltare un po’ di più.

Grazie,

Patto Civico,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

TAGLIO CLASSE RAGIONIERI, TARTARINI: DAL PD CHIACCHIERE SOTTO L’OMBRELLONE”

Pietrasanta_ Dal Pd le solite polemiche balneari”. Replica così l’assessore alla Pubblica Istruzione, Simone Tartarini, alle accuse lanciate dal consigliere comunale del Partito Democratico, Nicola Conti, con riferimento al taglio della classe ragionieri dell’Istituto Don Lazzeri. “Fra mancati inviti a cena e caldo estivo – scrive l’assessore Tartarini – il Pd pietrasantino deve aver perso la bussola, almeno quella del buon senso. Il minestrone di accuse che il consigliere Conti ci rivolge è un piatto fuori stagione, senza sale e del tutto insapore. Ci dispiace che il Pd si svegli ora, ma la nostra amministrazione si è attivata appena saputo che il corso ragionieri sarebbe stato tagliato per il numero ristretto di iscritti. Abbiamo bussato a tutte le porte, contattato l’ufficio regionale alla Pubblica Istruzione, l’ufficio provinciale e pure l’assessore regionale. Purtroppo è prevalsa la logica dei numeri e certe decisioni passano sopra le teste di sindaco e assessori comunali. Il consigliere Conti farebbe bene a chiedere lumi ai compagni in Regione, sempre che il Pd locale sia tenuto in considerazione e non finisca come con gli inviti a cena…”.

Sulla mancata concessione della classe, l’assessore è netto: “Non siamo mai stati d’accordo – dice Tartarini – e ci siamo mossi per ragioni istituzionali e anche affettive, visto che io, il sindaco, il vicesindaco e la presidente del consiglio comunale il corso ragionieri del Don Lazzeri lo abbiamo frequentato. Purtroppo il calo di iscritti non dipende da noi, che sulle scuole della città abbiamo fatto e continueremo a fare forti investimenti. Entro l’inizio dell’anno scolastico spenderemo 130mila euro per la sostituzione delle caldaie degli istituti Pascoli, Barsanti e Barsottini. La scuola del Crociale l’abbiamo tenuta aperta senza guardare ai numeri, nell’esclusivo interesse dei bambini e delle loro famiglie. Stiamo portando avanti politiche per l’infanzia, finanziando con risorse consistenti la costruzione e la manutenzione dei parchi gioco comunali. Il calo di natalità non è un problema solo di Pietrasanta e il consigliere Conti, con le polemiche sterili, di sicuro non lo risolleva”.  

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SPIAGGE: ALGHE MARINE SULLA BATTIGIA,AL VIA LA RIMOZIONE

Fenomeno naturale, l’intervento di pulizia interessa 500 metri di arenile. Già rimosse quest’anno 1.227 tonnellate di lavarone, più del doppio del 2016Foto lavarone battigia

Pietrasanta_ Mezzo chilometro di arenile coperto dalle alghe. Un fenomeno naturale dovuto al periodo, senza alcun pericolo per la salute, che comporta però qualche inconveniente in termini di pulizia della battigia. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni, in collaborazione con il Consorzio Mare Versilia, ha già fatto scattare le operazioni di rimozione del materiale spiaggiato, partite in serata per non interferire con la stagione balneare in pieno corso. L’intervento è portato avanti sotto l’occhio vigile del vicesindaco Daniele Mazzoni e dell’assessore all’Ambiente, Simone Tartarini. “Purtroppo il mare nei giorni scorsi ha rilasciato una grossa quantità di alghe – spiega Mazzoni – e rimuoverle è difficoltoso. Stiamo ripulendo l’arenile dal materiale spiaggiato, ma è un’operazione da compiere in modo progressivo perché il grosso delle alghe è ancora nell’acqua e lì i mezzi non possono intervenire. I residui si devono depositare sulla riva e, una volta asciugati, possiamo procedere con l’intervento di pulizia nelle ore notturne”.

Il problema si allarga di anno in anno. In questo 2017 sono già state rimosse 1.227 tonnellate di lavarone, più del doppio rispetto al 2016 (562 tonnellate), quattro volte la quantità ripulita nel 2015 (327 tonnellate). Il presidente dei balneari, Francesco Verona, parla di record negativo: “Era dagli anni ’80 che non si verificava un’ondata di lavarone di questa portata”. Fortunatamente in questo caso la zona interessata dal fenomeno è circoscritta, si tratta di un fronte di 500 metri su oltre 4 chilometri di litorale. “L’accumulo di alghe sulla spiaggia non è bello da vedere – dice Mazzoni – e resto dell’idea che i Comuni di costa non dovrebbero essere lasciati soli nella gestione di queste problematiche. Noi facciamo il possibile per difendere la nostra vocazione turistica, cerchiamo di essere tempestivi negli interventi, con l’obiettivo di tutelare le imprese balneari e ricettive del territorio. Vista l’entità del problema, il Comune di Pietrasanta formalizzerà una seconda richiesta d’intervento da parte della Regione. In nottata ci sarà un grande dispiegamento di uomini e mezzi per risolvere la situazione e superare il disagio di questi giorni”.

 Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 17.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^

PEDALATE ODIERNE: MULINA, PONTESTAZZEMESE, MULINA, STAZZEMA CAPOLUOGO, SERAVEZZA, LA RISVOLTA, MULINA. PEDALATA POMERIDIANA: MULINA, PONTESTAZZEMESE, FARNOCCHIA, MULINA .DSCN9475DSCN9473

Oggi si è disputato il V Trofeo Paolo Conti, la cronoscalata Pontestazzemese- Farnocchia aperta agli amatori. Sette chilometri e mezzo di salita,in alcuni punti molto impegnativa.

Ha vinto Fabio Cini, coprendo i 7 chilometri e mezzo in 19′ e 39 secondi. Un tempo che se non andiamo errati è più basso di quello del vincitore dell’anno scorso, nonostante il caldo e, conseguentemente, la maggiore fatica che è servita.

Oggi faceva caldo e la fatica è stata maggiore. L’abbiamo sperimentato in prima persona salendo a Farnocchia: il caldo afoso ha accentuato la difficoltà fisica. L’abbiamo avvertita più di ieri, anche se la giornata odierna è stata assai più complessa e dispendiosa di energie fisiche e nervose.

Giuseppe Vezzoni,addì 17.8.2017

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Italia bene comune di pochi n. 2236 del 16 e 17 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

  1. Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

  2. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

  3. E’ assicurato il diritto di replicare.

  4. Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

IL PIL NEL SECONDO TRIMESTRE E’ CRESCIUTO DEL +0,4%

Rispetto allo stesso periodo 2016,il Pil italiano è cresciuto su base annua dell’1,5%. Una crescita che ha ridotto moltissimo il differenziale che c’era con la crescita del Pil medio europeo, che nel secondo trimestre è cresciuto del +0,6% e su base annua del 2,2%. Se la crescita italiana proseguirà con lo stesso ritmo nei due trimestri finali 2017 (luglio,agosto,settembre e ottobre,novembre,dicembre) la crescita si attesterebbe al + 1,5%,ossia del +0,3% sul Pil previsto al +1,2%.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

FERRAGOSTO: PONTE DI SUPERLAVORO PER LA POLIZIA MUNICIPALE, CONTROLLI NOTTURNI E BLITZ ANTI-ABUSIVIMO SUL LITORALE

Indagini sul caso del giovane turista aggredito all’uscita di un locale a Focette. Anche il sindaco Mallegni presente durante i sopralluoghi sulla spiaggiaFoto Recupero Merce Contraffatta

Pietrasanta_ Giornate calde sul litorale di Marina di Pietrasanta durante il lungo ponte di Ferragosto. Polizia Municipale chiamata a un superlavoro per garantire la sicurezza in spiaggia e sul lungomare durante queste serate di movida. Gli agenti del Comando di Pietrasanta, coordinati dal responsabile Giovanni Fiori, stanno portando avanti le indagini sul caso del giovane turista aggredito di notte, all’esterno di un locale in zona Focette, accertamenti condotti per ora nel massimo riserbo. Intensificati a partire dal week end i controlli sulla strada, che hanno portato al ritiro della patente per un turista pugliese, risultato positivo all’alcoltest. Tanti ragazzi, in uscita dai locali, hanno chiesto spontaneamente di sottoporsi al controllo con l’etilometro per verificare le proprie condizioni prima di mettersi al volante.

Sanzionato un abusivo che effettuava in piena notte, con mezzo attrezzato, vendita di panini e bevande sul viale a mare. Tutto regolare sul fronte del rispetto degli orari di chiusura da parte di bar e discoteche; i vigili urbani sono intervenuti presso alcuni esercizi commerciali, che effettuavano attività di karaoke e pianobar in contrasto con le normative comunali. Nella notte di Ferragosto, il rischio di falò in spiaggia ha fatto scattare l’intervento degli agenti della Municipale e dei Carabinieri della stazione di Marina, accompagnati dal vicesindaco Daniele Mazzoni, su segnalazione del presidente dell’associazione balneari, Francesco Verona. Nessuna contravvenzione a carico dei giovani trovati sul posto muniti di legna, che hanno subito desistito dall’idea di fare il fuoco.

Nelle ore diurne controlli straordinari sotto il pontile di Tonfano per evitare episodi di bivacco e blitz anti-abusivismo commerciale sulla spiaggia ad opera dei vigili urbani, presenti anche il sindaco Massimo Mallegni e l’assessore alla Polizia Municipale, Andrea Cosci. Nel corso dell’operazione, è stata recuperata merce contraffatta occultata nel parcheggio di fronte alla spiaggia libera e, in parte, abbandonata da alcuni venditori abusivi sulla battigia, a seguito del fuggi fuggi scattato alla vista degli agenti.

Abbiamo voluto garantire maggiori controlli – spiega l’assessore Cosci – per assicurare a residenti e turisti un Ferragosto tranquillo sul nostro litorale. In particolare è stata attenzionata l’area sotto il pontile, che vogliamo preservare da sporcizia e degrado a tutela dell’immagine delle nostre spiagge e della nostra vocazione turistica. Da oggi fino alla prossima settimana, abbiamo organizzato un servizio di vigilanza privata che, in stretto contatto con la polizia municipale, presidierà la zona nelle fasce orarie di maggior affluenza sul mare”.

Intanto proseguirà il lavoro dei vigili urbani che, impegnati a 360 gradi per la sicurezza di cittadini e turisti, sono intervenuti anche a supporto dei Vigili del Fuoco per spegnere un incendio in zona Strettoia, il terzo divampato in poche settimane a ridosso della centrale elettrica. Una fuga di gas, nel pomeriggio di Ferragosto, ha fatto scattare la temporanea chiusura di viale Morin: un’auto ha urtato e danneggiato una tubatura, messa prontamente in sicurezza dai Vigili del Fuoco, con successivo intervento della ditta specializzata. La strada è stata interdetta al traffico veicolare e pedonale fino alla fine delle operazioni.

Ringrazio tutto il personale – ha detto il responsabile della Polizia Municipale, Giovanni Fiori – per il grande lavoro di questi giorni, che ha consentito una mole eccezionale di controlli e servizi straordinari”.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 16.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

VALLE DEL SERRA: FERRAGOSTO DA TUTTO ESAURITO20170816_desiata-da-tutto-esaurito_IMG_5985

Seravezza_ Ferragosto da tutto esaurito nella Valle del Serra. Moltissime infatti le persone che hanno scelto l’area compresa fra Malbacco e Azzano per trascorrere la giornata festiva di martedì all’insegna della natura e del fresco in uno degli ambienti più suggestivi della Versilia interna. Tante presenze, ma nessun inconveniente, neppure di ordine viario, grazie alla costante presenza degli agenti della polizia municipale – coadiuvati in certe fasce orarie dai volontari della protezione civile comunale – a presidio della ZTL istituita come lo scorso anno in via Monte Altissimo.

«Nei giorni scorsi, e da ultimo a Ferragosto, ho voluto osservare personalmente l‘andamento della situazione», dichiara il sindaco Riccardo Tarabella. «Nelle tre ore che sono rimasto in zona martedì mattina, con il parcheggio della Desiata saturo fin dalle prime ore, ho assistito a un continuo passaggio di persone che, per niente scoraggiate dal sole e dalle distanze, transitavano a piedi verso i punti più “gettonati” della valle, in particolare verso il Pozzo della Madonna. Praticamente nessuno ha lamentato l’impossibilità di accedere con la propria auto né l’assenza di servizi di mobilità alternativa. Ancora una volta abbiamo avuto conferma che quello della Valle del Serra è un pubblico consapevole e motivato, che non cerca tanto le comodità quanto un contatto vero e diretto con l’ambiente naturale. Ciò rafforza la nostra idea, fin dal principio quella di una valorizzazione storico-naturalistica dei luoghi, di uno sviluppo anche di tipo turistico che non comprometta però i delicati equilibri della valle».

Nessuna delle agenzie turistiche autorizzate ad accedere alla ZTL ha svolto servizi di trasporto nella giornata di Ferragosto. Oggi invece, giornata più tranquilla a livello di presenze, sono riprese alcune attività di tipo organizzato. È il caso ad esempio di un’agenzia specializzata in canyoning, tornata questa mattina ad accompagnare i clienti, dediti alla pratica di uno sport che nella Valle del Serra sta prendendo sempre più piede.

Riguardo ai servizi di mobilità all’interno della ZTL vale la pena di ricordare che quest’anno l’Amministrazione Comunale non ha affidato incarichi diretti né organizzato attività in proprio. La scelta è stata piuttosto quella di aprire al mercato, consentendo alle imprese di trasporto e alle agenzie turistiche interessate di accedere alla ZTL per svolgere le proprie attività. La disponibilità o meno di mezzi che facilitano gli spostamenti dei visitatori all’interno della ZTL è legata quindi all’interesse delle stesse aziende private ad operare in certi giorni o in certe fasce orarie.

«Ciò comporta quindi che in certi giorni l’unica possibilità per i visitatori sia quella di andare a piedi», dice ancora il sindaco Tarabella. «E, da quello che ho potuto constatare anche personalmente, nessuno lo vive come un problema. La questione semmai è quella della sicurezza. Ed è per questa ragione che, a malincuore, nei giorni scorsi abbiamo fatto un passo indietro sulle deroghe che consentivano ai clienti delle attività ricettive e dei locali pubblici di Azzano di transitare all’interno della ZTL. Lo abbiamo fatto a seguito dei richiami in tema di sicurezza rivolti all’Amministrazione Comunale dai funzionari della protezione civile e della polizia municipale e in presenza di abusi conclamati da parte di automobilisti che, con la scusa di recarsi al ristorante, in realtà sostavano poi all’interno della ZTL. Fino al 10 settembre, pertanto, il transito in via Monte Altissimo sarà riservato ai soli residenti. Tutti gli altri che desiderano recarsi ad Azzano e a La Cappella – e ci auguriamo che siano molti, perché si tratta di due luoghi stupendi, nei quali merita di trascorrere quache ora – possono percorrere la più comoda e sicura strada della montagna. Dispiace a volte dover prendere provvedimenti drastici, ma non possiamo non tener conto di questioni che riguardano la sicurezza delle persone. Confidiamo di trovare in futuro soluzioni che permettano di raggiungere un punto di equilibrio tra le esigenze del territorio, della sicurezza e delle attività economiche».

Segreteria del sindaco di Seravezza,addì 16.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DOMENICA 20 AGOSTO CHIUDERA’ A CARDOSO LA MOSTRA DI NERA SIMI E DEI SUOI ALLIEVI

Stazzema_ Si è chiuderà domenica 20 agosto la bellissima Mostra di Nera Simi e dei suoi allievi a Cardoso. E’ stata una Mostra organizzata dagli allievi nel Palazzo della Cultura di Cardoso, curata dal Comune di Stazzema e in particolare dall’assessore Serena Vincenti che si è prodigata nella cura dell’allestimento in tutti i particolari e nel mantenere i rapporti con gli allievi venuti da tutte le parti del mondo. I quadri esposti degli allievi rivelavano la provenienza dall’ottima Scuola di Nera Simi, “la migliore Maestra di disegno del mondo” a detta di Annigoni.

Erano disposti al piano terreno in una ambientazione suggestiva dotata di una opportuna illuminazione. Al primo piano dell’edificio, nella sala delle adunanze, c’erano diversi quadri di varia provenienza di Nera Simi fra cui “La vecchia in nero” uno dei capolavori assoluti della pittrice. E’ il terzo anno che si celebra il nome di Nera Simi e l’eccellenza della sua scuola nel Comune di Stazzema. Devo dire che il Sindaco Maurizio Verona si impegna nel giusto modo a mantenere in vita la tradizione della storia singolare di Stazzema che, nel suo destino, ha due anime: l’anima storico/drammatica del paese che ha conosciuto l’orrore della strage nazifascista di Mulina e di Sant’Anna, e l’anima artistica risalente alla fine dell’Ottocento con protagonista assoluto Filadelfo Simi. La Mostra era dotata di un bellissimo catalogo in cui, a fianco delle riproduzioni fotografiche dei quadri, gli autori raccontavano gustosi episodi personali di vita vissuta sotto la guida di una simile Maestra. Molti allievi hanno visitato lo Studio Simi, che conoscevano bene, riportato all’antico originale con grande amore da parte degli attuali proprietari. Molti mi hanno onorato di una loro visita a casa mia dove conservo una bella Collezione di Nera e di Filadelfo. Per tutti noi che abbiamo creduto in questa anima artistica di Stazzema devo dire che la soddisfazione di questa impresa è stata grande.

Alba Tiberto Beluffi, addì 16.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

XI CONCERTO DELLA MEMORIA IN ONORE DEI MARTIRI DI MULINA DI STAZZEMA NEL VENTENNALE DEL GRUPPO LABARO

Locandina Concerto della Memoria 19 agosto 2017

Stazzema_ Sabato 19 agosto, con inizio alle 20,45, presso la chiesa di San Rocco di Mulina di Stazzema si terrà l’XI concerto alla memoria dei martiri della frazione. I musicisti dell’ Orchestra della Scala, Duccio Beluffi (violino/viola) e Beatrice Pomarico (violoncello) eseguiranno questi brani:

1) Giuseppe Tartini: Sonata in sol minore opera 1 n° 10  detta “Didone abbandonata” (Affetuoso – Allegro vivace – Allegro)

2) Arcangelo Corelli: Sonata in mi mi minore op. 5 n° 8 (Preludio Largo – Allemanda Allegro – Sarabanda Largo – Giga Allegro)

Marzia Beluffi leggerà la poesia scritta il 16 agosto 1986 dal padre, prof. Max : San Rocco’ 44 (1986)

La prof.ssa Alba Tiberto Beluffi effettuerà un breve intervento conclusivo ricordando il legame che esiste tra la Famiglia Beluffi, il paese di Mulina di Stazzema e i tragici fatti dell’agosto 1944. L’iniziativa è promossa dal Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema in collaborazione con l’Unità pastorale Alta Versilia Due. Si ringrazia la Banca di Credito Cooperativo Versilia,Lunigiana e Garfagnana per il sostegno economico annuale che concede al Gruppo Labaro per mantenere viva la memoria dell’eccidio del 12 agosto 1944. La strage iniziò da Mulina di Stazzema ma l’eccidio della famiglia Menguzzo è restato nell’oblio commemorativo fino all’agosto 1991, dopo una dimenticanza durata 47 anni.

Giuseppe Vezzoni,addì 16.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

CULTURA: GRANDE SUCCESSO PER LA GIORNATA DELLA COREA,TRIBUTO DI PIETRASANTA ALLA MOSTRA DI PARK EUN SUN

Pubblico delle grandi occasioni in Piazza Duomo. Mostre, abiti tradizioni, calligrafia e folclore in centro storico

Pietrasanta_ Il folclore coreano conquista la Piccola Atene. Ha avuto grande successo la Giornata della Corea, organizzata dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni per celebrare l’eccezionale mostra di Park Eun Sun, appena inaugurata a Pietrasanta. Un tributo al grande artista e un omaggio alla Corea, agli usi e costumi del suo popolo, un evento che ha richiamato nel cuore del centro storico residenti e turisti alla scoperta di una delle culture più affascinanti dell’Estremo Oriente. Mostre, prove di abiti tradizionali Hanbok, dimostrazioni calligrafiche su carta di gelso Hanji hanno animato il Chiostro di Sant’Agostino, mentre lo spettacolo di musica coreana Samulnori si è svolto nella suggestiva cornice di una piazza Duomo gremita, all’ombra dei grandi monoliti in marmo e granito di Park Eun Sun. Una performance straordinaria, incentrata sui suoni della tradizione Samulnori, tramandata dal grande Maestro Kim Duk Soo, uno dei maggiori esponenti del genere musicale, direttore artistico e primo musicista del gruppo che si è esibito sotto il nostro campanile.

All’iniziativa, promossa dal Comune di Pietrasanta in collaborazione con l’Istituto Culturale Coreano, ha partecipato il vicesindaco Daniele Mazzoni. “Questa giornata è un omaggio all’arte nel senso più ampio e a una cultura straordinaria – ha detto Mazzoni – ma soprattutto una conferma degli orizzonti di Pietrasanta, oggi sempre più internazionale, con una finestra costantemente aperta sul mondo. Ringrazio Park Eun Sun che, oltre a donarci la sua arte, ci ha regalato questo inedito spaccato della cultura del suo paese d’origine”.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì 16.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DOMANI SI CORRE IL V TROFEO PAOLO CONTI

Cronoscalata amatori Pontestazzemese – Farnocchia

Partenza ore 16.0020170816_18401920170816_17453620170816_174515

Oggi pomeriggio abbiamo fatto il percorso Mulina, Pontestazzemese, Farnocchia, Mulina, il tratto di strada che domani percorreranno gli amatori che si cimenteranno nella cronoscalata del V Trofeo Paolo Conti: Pontestazzemese-Farnocchia.

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Italia bene comune di pochi n. 2235 del 14 e 15 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

  1. Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

  2. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

  3. E’ assicurato il diritto di replicare.

  4. Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

ULTIM’ORA LIBERA CRONACA n. 2235 del 15 agosto 2017

ULTIMI EVENTI DELL’ESTATE SERAVEZZINA

17 agosto: Serata Giovani il 17 Agosto in piazza Carducci dalle ore 21, serata all’insegna della danza, musica e teatro, a cura delle Rainbow Girls and friends.
18 agosto: ”Si starà meglio di là o di qua?” 18 Agosto, piazza Carducci dalle ore 21, spettacolo di teatro dialettale della compagnia ”Risciolo”.
19 agosto: Cammina Seravezza 19 Agosto, dalle ore 18, corsa competitiva e non per le vie del centro storico di Seravezza in collaborazione con Atletica Pietrasanta Versilia.

19 e 20 agosto: 19 e 20 agosto: Stordellata sul fiume 19-20 Agosto, Chiesa della SS Annunziata dalle ore 19.30.

20 agosto:‘Oggi è così…domane chissà” 20 Agosto, piazza Carducci dalle ore 21, spettacolo di teatro dialettale della compagnia ”Albetreta”.

Il presidente della Pro Loco di Seravezza, Marco Bertagna, dichiara <<Dopo un grande impegno e molto sacrificio siamo soddisfatti della nostra estate seravezzina con una risposta eccezionale da parte del pubblico che sono sicuro si ripeterà il prossimo anno>>

Pro Loco di Seravezza,addì 15.8.2017

BUON FERRAGOSTO DA LIBERA CRONACA

Oggi, e forse anche domani, il giornale che non c’è si godrà uno stacco vacanziero. Riprenderemo mercoledì di 17 agosto 2017. Auguriamo il buon Ferragosto con uno scorcio di Seravezza.DSCN9467DSCN9466

POLEMICHE STRUMENTALI SULLA VOTAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI SERAVEZZA

Seravezza_Caro Giuseppe, ci terrei a sottolineare alcune cose in merito alle sterili polemiche alimentate ad arte che in questi giorni hanno colpito i due rappresentanti del gruppo consiliare Idee in Comune in riferimento alla votazione in Consiglio Comunale del Piano Particolareggiato presentato dalla maggioranza:

La maggioranza che governa Seravezza è la lista di sinistra guidata dal sindaco Riccardo Tarabella che sostanzialmente rappresenta il PD. 

Come dici Giuseppe? Lo sapevi già? Hai perfettamente ragione; è cosa ben risaputa. Eppure c’è qualcuno che continua a dipingere una delle tre forze d’opposizione seravezzine – Idee in Comune, appunto, rappresentata in Consiglio Comunale da Riccardo Cavirani ed Elena Luisi – come unici amministratori del nostro Comune. 

Lo ricordo a tutti, qualora ve ne fosse necessità: Cavirani e Luisi non fanno parte della Giunta che amministra il Comune di Seravezza, bensì sono all’opposizione. 

Cavirani e Luisi non hanno progettato il nuovo Piano particolareggiato, né i loro nomi risultano tra i consulenti esterni – pagati dalla Pubblica Amministrazione – che hanno concorso alla ideazione/progettazione/stesura del suddetto piano. 

Cavirani e Luisi hanno valutato attentamente il piano in questione che – al di là di alcune opere faraoniche le quali non vedranno mai la luce perché costosissime e delle quali si parla tanto, purtroppo con ben poca cognizione di causa ed in modo strumentale – contiene alcuni elementi validi. In particolar modo contiene le osservazioni fatte dalla cittadinanza – votate favorevolmente da Cavirani e Luisi – che riguardano la semplificazione e la possibilità di fare interventi in abitazioni private o commerciali fin’ora vincolati da un ginepraio burocratico scoraggiante. 

Questo è il dato positivo che speriamo possa essere davvero impattante sulla città di Seravezza. Sì, dico “speriamo”, perché al di là delle buone intenzioni di tutti, poi conta solo quello che gli uffici comunali autorizzeranno o meno in merito ai progetti presentati dai privati. Almeno per ora vogliamo essere ottimisti su questo aspetto. 

Il resto del progetto prevede sogni, o incubi, costosi e di ardua fattibilità, disegnati per titillare l’ego smisurato sia di chi forse li ha progettati sia di chi passa le giornate a criticarli. 

A noi preme che chi ha bisogno di aprire una nuova finestra o allargare la porta di casa o realizzare una veranda – ad esempio – possa farlo senza passare sotto le forche caudine di una burocrazia non sempre collaborativa e spesso irragionevole. 

Per quanto riguarda l’andamento della votazione in Consiglio comunale – che tanto scandalo assolutamente immotivato ha scatenato – va detto questo:

La maggioranza avrebbe comunque approvato il piano – avendo i numeri per farlo – e se Idee in Comune avesse votato contro, avrebbe sì votato contro ai progetti faraonici, ma anche contro alle osservazioni dei cittadini. Si è scelto il male minore – in modo molto sensato e ragionevole a mio modesto parere – perché mai e poi mai Idee in Comune potrebbe votare contro gli interessi della cittadinanza, in questo caso non aiutandola a sgravare il fardello burocratico per interventi anche minori sulle proprie case e negozi. 

Tutti gli altri discorsi in merito sono solo aria fritta.

A Riccardo ed Elena non posso che confermare la mia stima personale e congratularmi con loro per l’ottimo lavoro che svolgono per il bene della collettività.

PS: Desidero aggiungere una nota: Cavirani e Luisi hanno fatto il loro dovere restando in quel Consiglio, assumendosi la responsabilità di partecipare alla discussione ed alle votazioni. Altri non l’hanno fatto. Mia madre mi ha insegnato che chi fugge ha sempre torto.

Francesco Speroni – Lega Nord Seravezza,addì14.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

POZZI CELEBRA SAN ROCCO: UN MERCOLEDÌ DI FESTA PER GRANDI E PICCINI FRA SPORT, BUONA CUCINA E ARTIGIANATO20170814_trofeo san rocco pozzi_tsr12_06


Seravezza_Gran festa mercoledì 16 agosto a Pozzi per la ricorrenza di San Rocco, ultima in ordine di tempo fra le feste patronali estive nel comune di Seravezza. Sport, buona cucina e artigianato sono gli aspetti che, assieme a quello religioso, caratterizzeranno la giornata, con un programma che nasce dalla collaborazione fra la Parrocchia dei Santi Leonardo e Guido, il Comune di Seravezza, la contrada Il Pozzo, la locale Pubblica Assistenza, l’Auser e l’associazione Quercetarte.

Il via ufficiale alle 15 con l’apertura dello spazio bambini e del mercatino dell’artigianato nella nuovo giardino e parcheggio di via Martiri di Sant’Anna, poco a monte dell’area sagra della contrada Il Pozzo. Nello spazio verde saranno allestiti gli stand con le mille curiosità del “fatto a mano” in Versilia; nel parcheggio, invece, giochi a volontà per i piccini, incluse alcune divertenti e rinfrescanti attrazioni acquatiche. Questa sezione della festa sarà aperta fino alle 24, andando in contemporanea con la vicina sagra gastronomica a cura della contrada biancorossa, dove – a partire dalle 20 – si potranno assaggiare tutte le specialità della cucina locale, ascoltare buona musica e ballare con l’orchestra dal vivo. Cucine aperte anche all’ora di pranzo, ma solo per il piatto tipico per eccellenza della Versilia, i tordelli, che si potranno gustare in loco o portare a casa (per i tordelli a pranzo è consigliata la prenotazione chiamando il 349 7741675).

Sul fronte sportivo riflettori puntati sul Trofeo San Rocco, corsa podistica con percorsi dedicati a bambini e adulti che si snoderanno nelle caratteristiche stradine di campagna attorno all’abitato di Pozzi, nel verde degli oliveti e con un suggestivo passaggio sull’argine del fiume Versilia. Partenza e arrivo in via Martiri di Sant’Anna, all’altezza del ristorante Antico Uliveto, rispettivamente alle 18 per i bimbi e alle 19
per i grandi. Dopogara conviviale e premiazioni nell’oliveto che ospita la sagra gastronomica.

Chiusura di giornata con la tradizionale processione del Santo che muoverà alle 21 dalla chiesa dei Santi Leonardo e Guido interessando le principali vie del paese. Da ricordare infine che presso la Pubblica Assistenza di Pozzi, in via Santa Maria della Neve, si potrà visitare fino al 18 agosto la mostra “I Colori per la Pace” con una selezione di disegni realizzati dai bambini di tutto il mondo.

Segreteria del sindaco di Seravezza,addì 14.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

FRA TRADIZIONE E RIVOLUZIONE: LA PASTASCIUTTA REGINA DEL PENULTIMO APERITIVO MEDICEO A SERAVEZZA, ECCEZIONALMENTE DI MERCOLEDÌ E IN PIAZZA CARDUCCI

20170814_aperitivo-mediceo_IMG_5034

20170814_aperitivo-mediceo_IMG_5115

Seravezza_ Eccezionalmente di mercoledì e in trasferta in piazza Carducci, nel cuore del centro storico di Seravezza, torna mercoledì 16 agosto l’Aperitivo Mediceo condotto da Fabrizio Diolaiuti e musicato da Dino Mancino, divertente talk show dedicato alle tipicità agro-alimentari del territorio versiliese e, più in generale, ai prodotti della terra e del mare che fanno grande la tavola toscana.

Protagonista assoluta di questo Aperitivo sarà la pastasciutta, il piatto italiano più popolare. Un viaggio gustoso e curioso partendo dalla coltivazione e dalla macinazione dei grani per arrivare ai vari modi di produrre e cucinare l’amata pasta. Dalla cucina casalinga a quella dei grandi gourmet. L’occasione sarà ghiotta, è proprio il caso di dirlo, per presentare il libro “Pasta Revolution” della giornalista, conduttrice e scrittrice di enogastronomia Eleonora Cozzella. Tra gli ospiti anche il produttore di grano e pasta Guido Favilla dell’azienda agricola “Favilla”. Ai fornelli lo chef Cesare Lazzeri dell’Enoteca Marcucci che cucinerà e presenterà per la degustazione finale alcune variazioni sul tema pastasciutta. Ingresso e degustazione saranno come sempre gratuiti.

L’Aperitivo Mediceo, giunto alla settima edizione, è prodotto dalla Fondazione Terre Medicee.

Ufficio Stampa Fondazione Terre Medicee,

Stefano Roni, addì 14.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

PEDALATA ODIERNA: MULINA, SERAVEZZA, STAZZEMA CAPOLUOGO, CURVA DEL SELVANO, MARGINETTA CROCE DI STAZZEMA, CURVA DEL SELVANO. STAZZEMA SALDONE, MULINA.

DSCN9465DSCN9464

DSCN9463

Dopo quindici giorni siamo risaliti in bicicletta ma non abbiamo voluto strafare,tuttavia ma un pochino si salita l’abbiamo voluta compiere. Sulla ex Stazzema- Gallicano abbiamo incontrato due coppie che volevano salire alla Baia dello Scoiattolo ma non erano equipaggiati per salire in montagna, specialmente la coppia straniera . che calzava ciabatte, l’uomo addirittura quelle infradito. Sono stati caldamente sconsigliati ad affrontare il sentiero con siffatte calzature, tuttavia si sono avviate verso la montagna. A Stazzema capoluogo, invece, due uomini in macchina ci hanno chiesto se il Saldone era un luogo dove poter mangiare e come arrivare a Sant’Anna. Era mezzogiorno passato. Dopo le spiegazioni del caso, cioè che nel borgo capoluogo non c’è nessun esercizio in cui poter mangiare e neppure un bar, li abbiamo consigliato di scendere a Mulina, che peraltro conoscevano attraverso la Trattoria La Luciana, e visitare i monimenti della memoria dei primi morti del 12 agosto 1944. Stessa cosa avevamo fatto nel tardo pomeriggio di ieri, a Pontestazzemese, appena rientrati da Parigi: una coppia ci ha chiesto come giungere a Sant’Anna e dopo le spiegazioni fornite ha desistito. A quel punto l’abbiamo indirizzata verso i monumenti della memoria di Mulina, consiglio che hanno accolto con gradimento poiché erano all’oscuro, come i signori di stamani, di quanto avvenne 73 anni fa a Mulina di Stazzema.

Giuseppe Vezzoni,addì 14.8.2017

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Italia bene comune di pochi n. 2234 del 13 e 14 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

  1. Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.

  2. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.

  3. E’ assicurato il diritto di replicare.

  4. Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

SCUOLA DEL MARMO: ISCRITTI IN CRESCITA. AI PRIMI DI SETTEMBRE SI COSTITUIRÀ IL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO CHE METTERÀ A PUNTO IL PERCORSO DIDATTICO

20170813_scuola del marmo

Seravezza_Crescono le iscrizioni alla Scuola del Marmo, attiva dal prossimo anno scolastico presso l’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato Marconi” di Seravezza. Lo ha recentemente annunciato il sindaco Riccardo Tarabella al Consiglio Comunale. Dinamiche interne ed esterne all’Istituto hanno determinato infatti un incremento degli iscritti alla prima classe rispetto alla stima fatta lo scorso mese di febbraio.

«Dai dati attualmente in nostro possesso risultano iscritti alla prima classe ventiquattro ragazzi, dieci dei quali per l’indirizzo in “Produzioni industriali e artigianali: coltivazione e lavorazione dei materiali lapidei”, i restanti per l’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”», ha riferito il sindaco. «Nel biennio i due corsi di studio condividono lo stesso percorso formativo, per poi differenziarsi e specializzarsi nel triennio. Possiamo quindi parlare di un inizio positivo, con una classe robusta” e con un approccio didattico che consentirà nei primi due anni ai ragazzi di orientarsi al meglio, anche attraverso stage e frequenti contatti con il mondo del lavoro, per poi scegliere al terzo anno l’indirizzo definitivo».

Il sindaco ha anche annunciato che ai primi di settembre si costituirà il comitato tecnico-scientifico che affiancherà il dirigente scolastico e gli insegnanti del “Marconi” nella messa a punto del percorso didattico da sviluppare nei cinque anni di studi, con particolare riguardo alla definizione delle attività del primo anno. Faranno parte del comitato anche rappresentanti delle aziende e delle istituzioni che dal primo momento sostengono la nascita della Scuola del Marmo. Fra questi, oltre al Comune di Seravezza che ne è stato l’ispiratore, la Provincia di Lucca, Cosmave, Cgil Lucca, Fillea Cgil e le imprese Henraux, Campolonghi, Landi Group, Cooperativa Condomini Levigliani, AMG Da Prato. Proprio nel primo anno il contatto diretto fra scuola ed aziende giocherà un ruolo importante nelle dinamiche didattiche, puntando a far toccare con mano agli studenti la realtà produttiva – nel complesso di luoghi, materiali, ruoli professionali e tecnologie di cui si compone – ed a farli incontrare con gli artigiani e gli addetti del settore lapideo. «Confermiamo la nostra attenzione al mondo della scuola e del lavoro» ha detto ancora il sindaco in consiglio comunale «sostenendo un settore, quello lapideo, che necessita di qualificare sempre più le proprie produzioni, operando nel rispetto dei protocolli e delle regole e giovandosi di personale ben formato, in grado di operare con le più moderne tecnologie».

La Scuola del Marmo è un’integrazione dell’offerta formativa che l’Istituto professionale per l’industria e l’artigianato “Marconi” offre nella sede di Seravezza. Come si legge nella descrizione del corso, al termine dei cinque anni il diplomato sarà in grado di “selezionare e gestire i processi di produzione dei materiali lapidei e delle relative tecnologie di lavorazione, applicare le procedure che disciplinano i processi produttivi nel rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro e sulla tutela dell’ambiente e del territorio”. Un traguardo scolastico che, in ogni caso, fornirà ai giovani competenze e specializzazioni ricercate dal mercato poiché in linea con le esigenze delle aziende.

Segreteria del sindaco di Seravezza,addì 13.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

STORIA: VIA ALLA RICOSTRUZIONE DELLA MARGINETTA DEL CENTOQUINDICI, AL LAVORO IL GRUPPO ALPINI DI POZZI

Il tabernacolo era stato distrutto dalla tempesta di vento del 5 marzo 2015. L’ex voto sarà ricollocato a cura dell’amministrazione Mallegni. Foto ricostruzione Marginetta Centoquindici

Pietrasanta_ La storica marginetta del Centoquindici tornerà al suo posto. Il tabernacolo del 1800, distrutto dalla tempesta di vento del 5 marzo 2015, sarà ricostruito e riposizionato sulla via Aurelia a pochi metri di distanza dal punto in cui si trovava, nei pressi del sottopasso ferroviario. L’iniziativa è del gruppo alpini di Pozzi, che ha già avviato le operazioni di muratura con l’avvallo dell’amministrazione comunale guidata dal Sindaco, Massimo Mallegni. Il capitello votivo sarà ricollocato e inaugurato a breve. Il taglio del nastro è previsto per sabato 9 settembre. “Ci è sembrato giusto preservare un pezzo di storia, di cultura popolare e religiosa che ha rischiato di essere cancellato dal fortunale di due anni fa – spiega il capo dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco,Adamo Bernardi – L’idea degli alpini ci è parsa da subito lodevole e ci siamo attivati per realizzarla”. L’immagine collocata all’interno della marginetta sarà quella originale: “L’abbiamo recuperata e fatta ripulire – dice Alfredo Tarabella del gruppo alpini – La ricollocheremo appena avremo ripristinato il capitello”. 

Il tabernacolo ha origini antiche, come risulta dalle ricerche storiche fatte: “La costruzione risale al 1850racconta il Professor Lorenzo Marcuccetti, ufficiale degli alpini in congedo e cultore di storia locale – Avevo catalogato quella marginetta vent’anni fa, era stata eretta da un certo Cesare Pellegrini, probabilmente si tratta di un ex voto, già spostato nel 1935 dalle Ferrovie nell’ambito di lavori per ampliare la sede dei binari. L’immagine che raffigura l’Annunciazione però è ancora più datata, forse del 1700 o di epoca ancora precedente”.

Un tassello importante, insomma, nella mappa delle marginette e maestà sparse sul territorio della Versilia. Un frammento del trascorso della nostra comunità che, grazie all’impegno degli alpini e dell’amministrazione comunale, non andrà perduto. 

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 12.8.2013

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^                          

MOBILITÀ: PARA PEDONI, PIÙ PARCHEGGI PER BICICLETTE E PIÙ DECORO, TERMINATA LA NUOVA CICLABILE

Proseguono i lavori al nuovo parco sportivo di via Catalani Foto pista ciclabile Tonfano

Pietrasanta_Più sicurezza, decoro e mobilità sul litorale con la nuova pista ciclabile ed i para pedoni per tutelare anche il passeggio.  Terminati i lavori per la realizzazione della ciclopista che finalmente collega, sul lungomare, Pietrasanta a Forte dei Marmi (circa 700 metre), l’amministrazione comunale di Pietrasanta guidata da Massimo Mallegni ha terminato anche gli interventi di riqualificazione di Piazza America, a Tonfano, nel cuore della frazione di Marina di Pietrasanta, con la realizzazione del nuovo giardino di fronte alla scultura dedicata alle vittime della strage terroristica dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York dell’artista pratese Beatrice Fineschi. La pista ciclabile è stata dotata, in prossimità dell’accesso al pontile, anche di speciali para-pedoni che hanno anche l’obiettivo di evitare la sosta delle auto ed un eventuale danneggiamento del marciapiede. Installate, insieme alle panchine, anche il nuovo impianto di irrigazione che avrà il compito di mantenere il prato verde e sempre ben presentabile. Lo spazio di Piazza America sarà anche dotato di una fontanella per consentire ai ciclisti e pedoni di dissetarsi durante il transito. A visionare i lavori è intervenuto il Capo di Gabinetto, Adamo Bernardi che ha effettuato i sopralluoghi a Tonfano ed in altre frazioni dove l’amministrazione sta intervenendo.

L’intervento sulla pista ciclabile e in Piazza America è concluso mentre sta procedendo rapidamente anche il progetto del parco sportivo in via Catalani che doterà la Marina di un nuovo spazio polifunzionale destinato ai giovani, alle famiglie e agli anziani – spiega Simone Tartarini, Assessore ai Lavori Pubblici – L’attenzione per queste voci, che per noi sono dei veri e propri mantra, è altissima. Pietrasanta è una città turistica e la mobilità e l’accoglienza sono chiavi della sua offerta”.

Potenziato a Tonfano ma anche in centro storico, sul lato mare di Palazzo Moroni, le rastrelliere per le biciclette per evitare il parcheggio selvaggio durante queste settimane di grande affluenza.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta,addì 12.8.2013

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SIAMO RIENTRATI, VIAGGIO TUTTO OK!DSCN9444

DSCN9423

Da facebook, addì 13.8.2017

Stamani si ritorna in Versilia

E’ l’ennesimo momento del distacco a cui non si fa abitudine. Meno parole si scrive e meglio è. Appaiono tutte inadeguate per rappresentare lo stato d’animo di questi momenti. Per questo lasciamo alle foto scattate ieri all’interno del castello di Maisons Lafiitte il compito di nascondere il grande dispiacere che è lasciare gli affetti ad oltre mille chilometri di distanza, nel cuore di una Francia che tuttavia si distingue con una politica attenta alla famiglia e alla natività da sostenere rispetto all’Italia bene comune di pochi, quella che dissipa la ricchezza dei suoi giovani costringendoli a cercare lavoro lontano dai confini natii o a bivaccare con occupazioni precarie e senza prospettive per un futuro famigliare proprio, Ma ora non è momento per infossarci fra i meandri sociologici e acuire un risentimento di genitori che avrebbero sperato di vedere i propri figli farsi un avvenire in Italia. Adesso bisogna smettere di cercare sulla tastiera ciò che non si può trovare. Ora è il momento di chiudere il computer e dedicare tutto il cuore all’addio, alle raccomandazioni, all’arrivederci a presto, ben sapendo che non sarà così.

Stamani è sereno sui tetti di Maisons Laffitte. Il volo degli aerei che si alzano dai tre aeroporti di Parigi, Charlie De Gaulle, Beauvais e Orly disegnano nell’azzurro tracce come fossero stelle comete.

DSCN9421

DSCN9462

DSCN9460

Dall’aereo abbiamo visto, lasciata la Francia, piste secche al posto dei corsi corsi d’acqua e montagne con pochissima neve. Un quadro paesaggistico ma anche vitale davvero preoccupante. La siccità sta segnando oltremodo il Bel Paese. Poi il mare della costa tirrenica e ligure ci ha distolto dalle brutte riflessioni con la meraviglia dei colori che oggi non avevano nulla da invidiare a quelli dei mari tropicali.DSCN9458

Giuseppe Vezzoni,addì 13.8.2017

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Maisons Lafitte (Parigi) n.2233 del 12 e 13 agosto 2017

 

73° ANNIVERSARIO STRAGE SANT’ANNA DI STAZZEMA 12 AGOSTO 2017

Marcucci: “L’apologia di fascismo non è un’opinione, è un reato”IMG_2395_RIMG_2387_RIMG_2382_R

 

Stazzema– La memoria della strage di Sant’Anna come ponte verso il futuro, per costruire un’Europa di popoli; antifascismo come valore attuale e da ribadire con forza.

Tante persone hanno affollato la spianata del Monumento Ossario di Sant’Anna di Stazzema, sul Colle di Cava, il luogo in cui riposano i 560 Martiri di Sant’Anna di Stazzema.

Il 12 agosto 1944 era sabato come sabato è oggi, 73 anni dopo. Alcuni dei testimoni di quella orrenda strage sono tra noi e basta la loro presenza, con la voce interrotta dal dolore ancora così forte dopo più di 70 anni, per farci capire e ricordare che i diritti, la democrazia, la pace non dobbiamo darli mai per scontati ma sono principi e valori conquistati col sangue di milioni di persone, di tante generazioni.

Enrico Pieri ringrazia, durante il suo saluto, le tante persone che hanno voluto essere lì, insieme a lui. “Veniamo qui e impegniamoci per un mondo di pace. Di memoria c’è bisogno”.

Trasmettere alle giovani generazioni la memoria di Sant’Anna, perchè non si cristallizzi la storia ma si renda attuale: è questa la missione del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema. Comprendere il presente attraverso la consapevolezza e la conoscenza del passato, per poter costruire un futuro di pace.

Il Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, ribadisce l’impegno quotidiano del Comune che, attraverso il lavoro del Museo Storico, diffonde il messaggio di pace di Sant’Anna ai giovani. Verona si concentra anche su un altro tema, ripreso da altri oratori: la lotta contro l’apologia del Fascismo. “La nostra democrazia non è a rischio, ma la guardia non deve essere abbassata. Abbiamo il dovere, insieme al Ministero della Pubblica Istruzione, di far sapere molto bene cosa fu il Fascismo. Sono d’accordo con Nardella: reintroduciamo nelle scuole l’educazione civica. E’ oltraggioso e di cattivo gusto vedere gadget con simboli fascisti venduti sulle bancarelle: offendono la memoria di coloro che sono morti per combattere questa ideologia”. Il Sindaco ha invitato alla riflessione sul tema dell’accoglienza e della diversità, citando gli esempi di Don Fiore Menguzzo e Don Innocenzo Lazzeri, ma anche di Don Zappolini, presente l’11 agosto alle celebrazioni per ricordare il martirio dei due parroci. E ha tracciato la prospettiva per il futuro del Parco Nazionale della Pace. “Stiamo lavorando per completare il Museo Storico e il Centro d’accoglienza”-prosegue – “che abbiamo rinominato “Fabbrica dei Diritti”. Vogliamo lavorare perché i cittadini del futuro siano cittadini consapevoli, che contribuiscano alla crescita della società. Noi porteremo la vita, là dove c’è stata morte e distruzione: con l’arte, la cultura, il dialogo. Ricordo la Campana della Memoria, collocata al Monumento Ossario, e il monumento diffuso “Anna-Monumento all’attenzione” di Gianni Moretti e voluto dalla Sovrintendenza: due opere importanti che legano cultura e memoria”.

Per la Regione Toscana, ente che da sempre sostiene attivamente Sant’Anna di Stazzema, ha portato il saluto l’Assessore Vittorio Bugli. “Sant’Anna è luogo simbolo: qui si è concentrato il dolore del “Secolo infelice”. Dobbiamo far parlare sempre di più i ragazzi: è il più grande investimento che la democrazia possa fare”.

Alla cerimonia hanno presenziato tanti giovani, italiani e tedeschi, che hanno preso parte al Campo della Pace a sant’Anna di Stazzema dal 5 al 13 agosto, incontrando i superstiti. Un progetto sostenuto dal Comune di Stazzema e finanziato dal Land Baden-Württemberg. Hanno preso la parola, in rappresentanza dei giovani,  Arbina Dika e Julian Kufferath lanciando uno sguardo verso il futuro, hanno raccontato con emozione la loro esperienza e il contatto umano avuto con i superstiti della strage. “Non ci siamo solo informati, qui ci siamo educati”, hanno detto.

A rappresentare la Repubblica Federale Tedesca è stato il Ministro Plenipotenziario dell’Ambasciata Tedesca Irmgard Maria Fellner  che ha annunciato nuovi finanziamenti per le iniziative a Sant’Anna di Stazzema. “Il Governo tedesco, con il Ministero degli esteri, finanzierà la stagione dell’Organo della Pace.  Essere qui è una prova di rispetto verso le vittime, questa è la mia prima missione: in un luogo in cui sono stati uccisi innocenti da parte di miei concittadini tedeschi”. Una riflessione che ha suscitato emozione. “Rendiamo omaggio alla grandezza morale dei superstiti: predicano riconciliazione  e porgono la mano ai tedeschi per guardare verso il futuro”.  Il populismo va combattuto con le idee.  “Alexander von Humboldt nel 1799 disse: le idee sono utili quando prendono vita nella mente di molti. Italia e Germania devono stare unite per le sfide internazionali”.

Ha citato, tra gli altri, Matteotti, Calamandrei e i fratelli Rosselli il Senatore Andrea Marcucci, Presidente della Commissione Cultura al Senato. “La memoria è un patrimonio che accomuna giovani e meno giovani, ed è un baluardo contro la retorica. La nostalgia del passato e la xenofobia si mescolano alla retorica: non possiamo rimanere indifferenti a quello che sta succedendo intorno a noi. Un clima di odio che trasuda dai social network, caccia agli stranieri, insulti a Emanuele Fiano deridendolo per le sopracciglia, come a voler evidenziare la provenienza della sua famiglia: suo padre era un ebreo internato nei campi di concentramento. Dobbiamo investire sulla formazione dei ragazzi intensificando le visite a Sant’Anna e in luoghi come questo”. Marcucci parla chiaro e forte. “Dobbiamo dire che antifascismo è una parola moderna. Luzzatto diceva, dieci anni fa, che l’antifascismo è come un abito vecchio, da riporre in soffitta, un valore del passato. Non è così. Dobbiamo estendere le pene per apologia di fascismo, anche sul web. Punire la propaganda e l’apologia di fascismo non è liberticidio. Il fascismo non è tollerabile, il fascismo non è un’opinione: è un reato, dal 1952”.

Al termine della cerimonia è stata inaugurata la mostra “Colori per la Pace” con disegni realizzati da bambini di tutto il mondo che resterà visitabile al Museo Storico e all’Ossario fino al 18 agosto 2017.

Sono stati suonati 12 rintocchi della Campana della Memoria realizzata dal maestro Romano Cosci, dal suono profondo e intenso che si è propagato per tutta la vallata.

Dal Museo di Sant’Anna, addì 12.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

UN ANNO DI AMMINISTRAZIONE COMUNE DI SERAVEZZA

Disanima amministrativa da parte di Patto Civico di Seravezza

Unannook

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

LETTERA APERTA Al CONSIGLIERE COMUNALE DI SERAVEZZA CAVIRANI

Seravezza_Ieri, giovedì 10, ho postato su Facebook alcune mie conclusioni tratte da una delibera del Consiglio Comunale di Seravezza, la n. 9 del 7 marzo scorso, con la quale è stato approvato il Piano Particolareggiato di Seravezza, sostenendo che al voto finale avevano dato il consenso, oltre ai consiglieri di maggioranza anche quelli di minoranza, Cavirani e Luisi della lista Idee comuni 2016.-

Venivo smentito, accusato di superficialità, di essere disinformato e di andarmi a leggere i verbali di assemblea; ebbene, l’ho fatto e oggi sulla mia pagina di facebook e su quella del gruppo Seravezza Social Forum, ho dato la risposta al sig. Cavirani sotto forma di lettera aperta di cui allego copia.- Cordiali saluti.-

geom. VITTORIO TARABELLA,addì 11.8.2017

Sig. CAVIRANI,

ho accolto il Suo invito a leggere i verbali inerenti gli interventi dei Consiglieri Comunali nella seduta assembleare del 7 marzo c.a.; sono contenuti nella Delibera di Consiglio n. 30 del 28 agosto, data in cui sono stati approvati con la sua astensione e della consigliera Luisi Elena, quali rappresentanti di Idee in comune 2016.–

Le ricordo che in quel giorno, (7 marzo), erano in discussione, tra gli altri, i seguenti argomenti:

al punto 8: APPROVAZIONE VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO VIGENTE PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLA ZONA AC  “CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO (PIANO PARTICOLAREGGIATO)”.

al punto 9: PRONUNCIAMENTO SULLE OSSERVAZIONI E APPROVAZIONE DEL PIANO ATTUATIVO (PARTICOLAREGGIATO) DEL “CAPOLUOGO COMUNALE”.

Durante la trattazione dell’argomento al punto 8, sono intervenuti l’assessore Salvatori, Giannelli, Giorgi per dichiarare l’uscita dall’aula dei consiglieri di Patto Civico, poi Lei per dire che non trovava ragioni di questa loro decisione, poi ancora Salvatori ed infine, quando il Presidente Biagi stava per mettere in votazione l’argomento in discussione, che ripeto concerneva l’approvazione variante al regolamento urbanistico vigente per la riperimetrazione della zona AC  “centro storico del capoluogo (piano particolareggiato, Lei ha richiesto nuovamente la parola ed ha pronunciato il discorso che ha pubblicato su Facebooc, che qui lo riporto per chi legge:

Quindi, verbali alla mano, risulta che in quel momento Lei stava illustrando la posizione su un argomento che in quel momento non era oggetto di discussione ed approvazione.-

Quando alla fine, Lei e Luisi avete manifestato di volervi astenere, lo avete fatto sull’argomento in discussione, che ripeto era approvazione variante al regolamento urbanistico vigente per la riperimetrazione della zona AC  “centro storico del capoluogo (piano particolareggiato), e non su quello che credevate, cioè pronunciamento sulle osservazioni e approvazione del piano attuativo (particolareggiato) del “capoluogo comunale andato in discussione successivamente.-

Risulta che sulle osservazioni dei cittadini il Consiglio Comunale si è espresso per ciascuna di esse con singole votazioni; al termine, si legge nel verbale: “Parla il Presidente:

<< Allora, votazione accolta. Favorevoli? Contrari? Un attimo, aspetta. Astenuti? Perfetto.

Allora, mettiamo in votazione tutta la delibera. La delibera in toto. Favorevoli?..>> – Parla voce non identificata: << (VOCE FUORI MICROFONO) Ma la delibera sulle osservazioni? >> – Parla il Segretario Generale Dott. Sortino: << Tutto, tutto il provvedimento. >>

Al momento della votazione risultano assenti ancora i Consiglieri Giorgi e Greco. Presenti n. 15. – Parla il Presidente: – << Sì. Sì, sì, complessiva. La finale. Allora, favorevoli? 14. Contrari? 0. Astenuti? 1 (Mattei).

Immediata eseguibilità. Favorevoli? Contrari? Astenuti? Delibera approvata.

CONCLUSIONI: voi di IDEE IN COMUNE 2016, avete votato senza sapere per cosa, astenendovi quando invece volevate approvare ed approvando quando vi volevate astenere.-

INCONSAPEVOLMENTE, (questo è il fatto grave) AVETE APPROVATO IL PIANO PARTICOLAREGGIATO

quindi quanto riportato nei miei precedenti messaggi su Facebook corrisponde a verità; quelli falsi sono i vostri.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

FESTIVAL ORGANISTICO APUANOWhatsApp Image 2017-08-07 at 15.06.07

 

Stazzema_ Il Festival Organistico Apuano avrà una serata anche a Terrinca  sabato 19 Agosto alle ore 21.15. Siete gentilmente invitati. Grazie in anticipo.

 

Gabriele Olobardi,addì 11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

COMUNE: UFFICI CHIUSI PER IL PONTE DI FERRAGOSTO

 

Pietrasanta_ In occasione del ponte di Ferragosto, gli uffici del Comune di Pietrasanta resteranno chiusi nei giorni di lunedì 14 e martedì 15 agosto. Saranno comunque garantiti i servizi essenziali svolti dall’ente (stato civile, cimiteri, protezione civile, polizia municipale). Chiusa nelle stesse date anche la biblioteca civica “G. Carducci”. Le attività riprenderanno regolarmente mercoledì 16 agosto.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta, addì 12.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

EVENTI: FERRAGOSTO IN ARTE A PIETRASANTA, MOSTRE E MUSEI APERTI PER IL PONTE

Da visitare la personale di Park Eun Sun, il Museo dei Bozzetti,il Museo Archeologico Antonucci e Palazzo Panichi. Nel giorno di Ferragosto aperta anche Casa Carducci

Pietrasanta_ Un ferragosto culturale, serate tra mostre e gallerie dopo aver trascorso la giornata al mare sul nostro splendido litorale. E’ la proposta di Pietrasanta per questo lungo ponte estivo, che per la Piccola Atene sarà come sempre all’insegna dell’arte. Una full immersion nella scultura contemporanea, ma anche nella storia di questo territorio per scoprire il legame profondo che da sempre collega la città ad artisti provenienti da tutto il mondo. Tutti gli spazi espositivi saranno aperti anche nelle giornate di lunedì 14 e martedì 15 agosto per un viaggio da cominciare con l’incredibile personale di Park Eun Sun, appena inaugurata, un percorso a tappe segnato dalle opere monumentali del grande artista coreano. Da non perdere anche i “Bozzetti in Vetrina” di Palazzo Panichi, con un’inedita selezione di “maquettes”, sei sale a tema dedicate ai grandi eventi dell’estate pietrasantina, una galleria mai vista prima dal titolo “Ritorno al Futuro”.

Aperto come sempre anche il Museo dei Bozzetti, occasione unica per esplorare l’intera collezione di opere che tanti artisti italiani e stranieri hanno prodotto a Pietrasanta per le piazze più importanti a livello internazionale. Da visitare inoltre il Museo Archeologico Antonucci e Casa Carducci, aperta nella giornata di domenica 13 e a Ferragosto.

Ecco tutti gli orari: Park Eun Sun dalle 19.00 alle 24.00; Museo Archeologico Antonucci 19.00 -23.00; Palazzo Panichi 19.00- 24.00; Casa Carducci 17.00 – 20.00 (nelle giornate di domenica e Ferragosto).

Ufficio stampa comune di Pietrasanta, addì12.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^                

CULTURA: PIETRASANTA CELEBRA LA COREA DI PARK EUN SUN,MOSTRE, ABITI TRADIZIONI, CALLIGRAFIA E FOLCLORE NEL CENTRO STORICO

Appuntamento lunedì 14 agosto tra il Chiostro e Piazza Duomo. Gli eventi tutti ad ingresso libero.Foto Giornata Coreana samulrnori 3 Foto opera Piazza Duomo Park Eun Sun

Pietrasanta_ Pietrasanta celebra Park Eun Sun e la cultura coreana. Non solo i grandi monoliti in marmo e granito di Park Eun Sun che svettano con le loro forme armoniose tra Piazza Duomo, il Chiostro di S. Agostino e il pontile di Tonfano, il centro storico di Pietrasanta è pronto a tuffarsi nella cultura coreana in occasione della prima giornata, in programma lunedì 14 agosto, dedicata ad una delle culture più influenti dell’Estremo Oriente. L’iniziativa, promossa dall’Istituto Culturale Coreano in collaborazione con il Comune di Pietrasanta accompagna la grande esposizione di opere di Park Eun Sun  aprendo una finestra sulla Corea e sulla sua cultura tra eventi, tutti gratuiti ed aperti al pubblico, che spaziano dagli abiti tradizionali, alla musica passando per la calligrafia e folclore.

“Il legame ormai venticinquennale tra Park Eun Sun e Pietrasanta dove ha scelto di vivere insieme alla sua famiglia – spiega Massimo Mallegni, Sindaco di Pietrasanta – si traduce anche in questa bella giornata di eventi dedicati alla sua cultura e alla sua patria grazie alla preziosa collaborazione con l’Istituto Culturale Coreano. Park Eun Sun è un’eccellenza dell’arte coreana, uno dei maggiori artisti contemporanei che contribuisce ad esportare Pietrasanta e le sue lavorazioni artistiche, nel mondo. L’opera di Park Eun Sun sancisce il rapporto indissolubile tra la nostra terra ed il mondo. Lui è un nostro ambasciatore. Non solo in Estremo Oriente. Siamo molto felici ed orgogliosi di poter consegnare alla città un altro ciclo di eventi improntati sull’internazionalità e sull’approccio ad una cultura lontana quanto affascinante”. 

Primo appuntamento dalle ore 10.00 alle ore 12.00 al Chiostro di Sant’Agostino con la dimostrazione calligrafica, dove sarà possibile ricevere il proprio nome scritto in coreano su carta di gelso Hanji. Sempre il Chiostro ospiterà (vernissage alle ore 18.00) la mostra “Immagini della Corea” con un angolo dedicato alla prova degli abiti tradizionali Hanbok. Piazza Duomo, nel cuore della città, sarà invece il palcoscenico dello spettacolo di musica folcloristica coreana Samulnori, tramandata da generazione in generazione proprio grazie al Maestro Kim Duk-soo Direttore Artistico e primo musicista del gruppo in esibizione.

Insieme alla giornata della cultura coreana sbarca infatti a Pietrasanta il gruppo più autorevole nella storia del Samulnori. La formazione musicale, fondata nel 1978 con la direzione del Maestro Kim Duk-soo, ha tracciato una rinascita nella scena della musica della Corea ed è stato determinante nel tramandare una lunga tradizione di musica folcloristica, attraverso la fondazione di un Accademia musicale. Inoltre gli si riconosce il merito di aver portato in numerosi Paesi come Austria, Francia, Danimarca, Germania, Giappone, Russia, Svezia, Svizzera, Australia e tanti altri la musica Samulnori creando gruppi di allievi sparsi in tutto il mondo. Ciò è stato possibile anche grazie alle doti artistiche e la storia tracciata nel DNA di Kimdoksu, che dall’età di 5 anni ha seguito il Padre Musicista nelle tournée in tutta la Corea suonando il suo Tamburo Janggo. Lo spettacolare suono del Tamburo Janggo di Kim Duk-soo accompagnato dalK’kwaenggwari (piccolo gong) Jing e Buk porteranno a Pietrasanta tutto lo spirito di allegria e vivacità della musica folcloristica coreana.

La mostra di Park Eun Sun resterà aperta dal 10 agosto all’10 settembre con orario 19.00 – 24.00, dal 12 settembre al 1 ottobre dalle ore 17.00 alle 20.00 e sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00, dal 3 al 29 ottobre dalle 16.00 alle 19.00 e sabato e domenica dalle 00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Lunedì chiuso. L’ingresso è libero.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta, addì 12.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

IL CASTELLO DI MAISONS LAFITTE, UN MIRABILE ESEMPIO DEL CLASSICISMO FRANCESEDSCN9401DSCN9390

Il presidente del Parlamento di Parigi, René de Longueil, iniziò a costruirlo intorno al 1636 commissionando l’opera all’architetto Francois Mansart.

Oggi abbiamo visitato questo splendido chateau poiché il tempo piovigginoso non ci ha permesso di andare a Parigi. La visita si è rivelata davvero appagante .Nelle grandi sale e sui quadri abbiamo ritrovato scorci del Vesuvio e di Tivoli, oltre  l’appartamento du Roi identificato con l’appellativo “appartement all’italienne” per  l’architettura  volta a botte richiamata nella costruzione.

Domani si torna in Versilia.

Giuseppe Vezzoni,addì 12.8.2017

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Maisons Lafitte (Parigi) n.2232 dell’11e 12 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

  1. Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.
  2. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.
  3. E’ assicurato il diritto di replicare.
  4. Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog  liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

 

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

 

Blogger GiuseppeVezzoni

 

giuseppevezzoni@gmail.com

 

DON ZAPPOLINI VITTIMA DEGLI ATTACCHI DI FORZA NUOVA PER IL SUO IMPEGNO PER L’INTEGRAZIONE RICORDA LE MEDAGLIE D’ORO DON INNOCENZO LAZZERI E DON FIORE MENGUZZO

“Sull’umanità non esistono mediazioni. Se costruiscono muri noi faremo dei buchi per passare lo stesso”Saluto del SindacoAl Busto di Don Innocenzo Lazzeri

Stazzema_ Si sono svolte questa mattina a Pontestazzemese e a Mulina di Stazzema le celebrazioni in ricordo della Medaglia d’oro al Valor Civile e Giusto tra le Nazioni Don Innocenzo Lazzeri e della Medaglia al merito Civile Don Fiore Menguzzo uccisi dai nazifascisti rispettivamente sulla Piazza della Chiesa di Sant’Anna di Stazzema e nei pressi della Chiesa di Mulina di Stazzema il 12 agosto 1944. Il Comune di Stazzema era rappresentato dal Sindaco Maurizio Verona e dai consiglieri Lorenzoni e Viviani. Erano presenti l’on. Carlo Carli, il Comune di Seravezza, rappresentato dal Sindaco Riccardo Tarabella, il consigliere Graziano Dalle Luche per il Comune di Camaiore, l’Assessore Lora Santini per il Comune di Pietrasanta, il consigliere Luigi Trapasso per il Comune di Forte dei Marmi, il vice presidente del Consiglio Comunale di Pisa Riccardo Buscemi, l’Assessore Andrea Serfogli. Erano presenti inoltre, in rappresentanza delle due medaglie d’oro la signora Baldassari e Divo Lazzeri. Presente anche il Labaro delle vittime delle Mulina di Stazzema e la Bandiera dell’ANPI Versilia, i ragazzi del Centro Estivo Timothy di Mulina di Stazzema e alcuni dei richiedenti asilo che sono ospitati nel Comune di Stazzema che hanno incontrato Don Zappolini oratore ufficiale della manifestazione.  Don Armando Zappolini è il presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, oggetto alcuni mesi or sono del vergognoso attacco dei militanti di Forza Nuova che hanno affisso davanti alla chiesa di Santa Lucia a Perignano, nel comune di Casciana Terme-Lari, uno striscione recante la scritta ‘Zappolini eretico’ per la  scelta del parroco di celebrare la festa islamica di fine del Ramadan e per il suo impegno per la concessione dello Ius Soli.

“Abbiamo voluto lanciare un messaggio ai nostri giovani e a tutti”, commenta il Sindaco Maurizio Verona, “invitando quello che per me è un eroe dei nostri giorni, Don Armando Zappolini, che ogni giorno lavora per costruire ponti e che viene osteggiato e minacciato da chi invece, semina odio e divide. L’impegno di Don Zappolini nell’accogliere e voler integrare questi ragazzi che fuggono da situazioni mostruose di guerra e fame, è per me quello di coloro che hanno sacrificato la loro vita per gli altri”.

Don Zappolini in un’accorata orazione ha ricordato l’importanza dell’impegno, ripetendo più volte le parole di Don Milani: “Al me ne frego dei fascisti di ieri e di oggi opponiamo un “mi interessa” perché non può non interessarmi della sorte di questi ragazzi che durante il loro viaggio della speranza vengono torturati, minacciati, stuprati, ricattati. Da essere umano prima che come religioso non posso non interessarmi di loro. Se qualcuno costruisce muri invalicabili, noi proviamo a creare un buco in quei muri e passare lo stesso. Credo che festeggiare assieme ai musulmani una loro festività sia un modo per fare questo e non mi lascio intimidire da chi fa dei campi per giovani per insegnare gli ideali del fascismo come quelli di Forza Nuova. Ricordiamo questi preti martiri che non guardarono la casacca, ma cercarono l’uomo. Oggi dobbiamo fare la stessa cosa verso chi soffre e non bisogna sottovalutare tanti brutti segnali che ci sono”.Abbraccio con Don Armando Zappolini

Michele Morabito, funzionario Comune di Stazzema,addì11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

RICORRENZE: PIETRASANTA NON DIMENTICA, COMMEMORATI GLI ECCIDI DI CAPEZZANO MONTE E MULINO ROSSO

 

Deposizione di corone d’alloro ai cippi che ricordano le vittime. Il sindaco Mallegni parteciperà alle celebrazioni per la strage di Sant’Anna di StazzemaFoto Commemorazione Eccidio Mulino RossoFoto Commemorazione Eccidio Capezzano Monte

 

 

Preservare la memoria, difendere il ricordo di un trascorso doloroso, di un capitolo di storia che ha segnato profondamente la comunità della Versilia. Pietrasanta ha ricordato gli eccidi di Capezzano Monte e Mulino Rosso di Valdicastello. Con una breve cerimonia sono state commemorate le vittime fucilate dalle truppe nazifasciste il 12 agosto 1944 nelle due frazioni a monte, subito dopo la terribile strage di Sant’Anna di Stazzema. Una delegazione comunale, guidata dall’assessore Cinzia Crivelli, ha deposto corone di alloro ai cippi in memoria dei caduti. Presenti le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e alcuni discendenti dei giovani trucidati dalle SS, 14 in località Mulino Rosso e 6 a Capezzano.

 

“E’ un dovere morale e civile ricordare quanto accaduto – ha detto l’assessore Crivelli – Questa rappresenta una delle pagine di storia più brutali della barbarie nazifascista, che ha calpestato i valori della democrazia e della tolleranza. Dobbiamo apprezzare le conquiste di pace e libertà ottenute al prezzo di tante sofferenze. Il ricordo degli orrori della guerra, a distanza di oltre 70 anni, deve essere un monito costante alla costruzione della pace tra uomini e nazioni”.

 

Il sindaco Massimo Mallegni parteciperà alle celebrazioni per la strage di Sant’Anna di Stazzema in programma domani, a partire dalle ore 9.00.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì 11..2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^

STASERA  LA CAMPANA DELLA PACE EMETTERÀ I SUOI PRIMI 12 RINTOCCHI

Stazzema_ Questa sera dopo la fiaccolata la Campana della Memoria suonerà i suoi primi 12 rintocchi a ricordare quel terribile 12 agosto 1944, il mio pensiero volerà a voi, a voi che non ci siete più, a te nonno che avresti tanto voluto sentirla, ma 15 anni di ostruzionismo l’ hanno lasciata a terra e a te babbo che dietro le quinte ai sempre sostenuto il progetto….questa campana dovrà suonare alla memoria di tutte quelle vittime passate, presenti e future e dovrà rintoccare anche per voi, per tutti quelli che l’ hanno voluta e realizzata, vittime di una guerra subdola, una guerra psicologica …

Romina Berretti, da facebook 11.8.2017

Stasera si conclude una vicenda lunga anni di cattiverie, ignoranze e ottusità politiche. Mi ricordo come spettatore quando Angiolo Berretti progettava e si prodigava per trovare gli “sponsor” per la realizzazione di questa opera per mano di mio zio Romano Cosci. Ho visto la delusione, il rammarico, il non capire del perché nei loro occhi. Oggi questa squallida presa di posizione di qualcuno che nella propria ottusità è finita. Angiolo , zio Romano e tutte le povere vittime di quella inimmaginabile tragedia sentirete il rintocco che vi ricorderà sempre. Che poi era il semplice e puro interesse di chi voleva questa campana

Andrea Cosci (facebook 11.82017)

Re: Una guerra cattiva contro la voce fuori dal coro di Angiolo Berretti è stata vinta,ma altre guerre cattive continuano a essere alimentate con perfidia travestita da pace. Stasera saremo idealmente sul Colle degli angioletti di Sant’Anna di Stazzema e ascolteremo i 12 rintocchi della Campana. Momento migliore non poteva essere scelto: è la notte che tacciono le voci per ascoltare solo i nomi delle vittime e quanto l’atmosfera avvolta nel silenzio di Col di Cava riesce a stimolare l’anima su un massacro di inermi che 73 anni fa perpetrarono uomini senza anima.

Andrea Cosci ha puntato il dito sulle cattiverie durate quindici anni prima che Romina Berretti (volutamente) e il ministro Maria Elena Boschi ( forse non volutamente o inconsapevolmente) forzassero il caveau della Pace  di Sant’Anna di Stazzema. Ci sono responsabilità che con furbizia si defilano invece di fare ammenda  e riconoscere l’errore che stasera sanciranno i primi 12 rintocchi della Campana della Pace.

Giuseppe Vezzoni, addì 11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI SANT’ANNA: UNO SPETTACOLO TEATRALE E UNA MOSTRA PER NON DIMENTICARE20170811_era un giorno qualsiasi sant'anna
Seravezza_ Una serata per la memoria e la riflessione nel 73° anniversario della Strage di Sant’Anna. La promuove per domani (sabato 12 agosto) il Comune di Seravezza invitando tutti i cittadini alla partecipazione. Si tratta di una performance teatrale interattiva su testo liberamente tratto dal libro “Era un giorno qualsiasi” di Lorenzo Guadagnucci in programma con inizio alle ore 21 sul sagrato del Duomo dei Santi Lorenzo e Barbara a ingresso libero. Lo spettacolo – di e con Massimiliano Filoni e con la musica dal vivo di Vanja Buzzini – è dedicato all’eccidio nazista del 12 agosto 1944 e allo sviluppo della memoria collettiva lungo il filo di una storia e di una ricerca di verità che si sviluppa nell’arco di tre generazioni. Quella di domani è la prima rappresentazione pubblica dello spettacolo, una sorta di prova aperta.

Sempre domani si inaugura nei locali della Pubblica Assistenza di Pozzi, in via Santa Maria della Neve, la mostra “I colori per la pace” che raccoglie disegni realizzati dai bambini di tutto il mondo. La mostra gode del patrocinio del Comune di Seravezza e si potrà visitare a ingresso libero fino al 18 agosto tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Alle celebrazioni che si terranno domani in forma ufficiale a Sant’Anna di Stazzema presenzierà il sindaco Riccardo Tarabella accompagnato dal presidente del consiglio comunale di Seravezza Riccardo Biagi.

Segreteria sindaco di Seravezza,addì 11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SETTANTATRE ANNI FA LA FUCILAZIONE DEI PARTIGIANI ITALIANI E FRANCESI ALL’ALBOREA DI SOSPEL

 Sanremo_ Sabato 12 agosto è l’anniversario della fucilazione di Partigiani Italiani (V Brigata Garibaldi) e francesi (Chasseurs des Alpes) all’Alborea di Sospel. Dopo due giorni di atroci torture, che i nazisti cercarono di celare alla popolazione facendo suonare ininterrottamente i tamburi per soffocare le grida di dolore dei giovani prigionieri, essi vennero fucilati il 12 agosto 1944. Quest’anno la sezione ANPI di Sanremo ha compiuto una scelta diversa, la cui motivazione è la seguente, e che verrà letta nella cerimonia da un nostro compagno: “Ai Maquis francesi, ai Partigiani e a tutti coloro che si riconoscono nella Resistenza europea. I Partigiani francesi e italiani che furono torturati per due giorni all’Alborea col suono dei tamburi nazifascisti per soffocare le loro grida di dolore, fucilati poi il 12 agosto del 1944, non ci chiedono una giornata con le bandiere italiane e francesi e i rappresentanti delle Istituzioni intenti a pronunciare discorsi di circostanza, ma ci chiedono di volgere lo sguardo a ciò che stiamo costruendo, ai muri che stiamo ergendo fra noi e chi soffre e ci chiede aiuto e, se potessero, ci esorterebbero a onorarli in nome di quei sentimenti di solidarietà e di unione che troviamo scritti col loro sangue nelle nostre Costituzioni, italiana e francese.

Constatiamo invece che ovunque, dai paesi più sperduti e spopolati dell’Italia e dell’Europa alle grandi città, a seguito dell’atteggiamento di Istituzioni e governi che erigono muri e frontiere contro chi giunge nell’Europa della libertè egalitè fraternitè alla ricerca di un briciolo di speranza e di vita, stanno emergendo e rafforzandosi, ogni giorno sempre più brutali e aggressivi, movimenti razzisti e “fascisti”, cellule malate di un fascismo contemporaneo che va alla caccia di un nemico contro cui combattere: oggi tocca ai profughi, ai richiedenti asilo, ai più poveri e bisognosi che ci chiedono aiuto. Le frasi, le azioni e le esternazioni di numerosi rappresentanti delle istituzioni europee esprimono la stessa brutale indifferenza e lo stesso spirito fascista contro cui questi giovani Partigiani hanno combattuto e per cui hanno pagato così duramente: per questo li ricordiamo e per questo rendiamo onore a loro! Perché essi hanno testimoniato che si possono compiere scelte che fanno onore alla nostra umanità, anche se si pagano duramente: ma renderemmo vana la loro morte, e solo un freddo rituale il loro ricordo, se restassimo passivi e inerti di fronte alla recrudescenza di quel mostro dalle mille teste mai definitivamente scomparso e dal quale purtroppo molti si stanno facendo contagiare.
Essere dell’ANPI non significa partecipare con le bandiere alle commemorazioni, quasi simboli ormai ammuffiti di un’epoca trascorsa e dimenticata: l’ANPI è viva e presente come testimone e custode attiva di princìpi e valori su cui è stata costruita la nostra nazione e su cui vorremmo poter costruire l’Europa, e solo perché molti di tali princìpi oggi non vengono rispettati, non per questo devono essere dimenticati o hanno perso valore: è solo colpa nostra , dei nostri governi, se si va avanti come se niente fosse, come se i princìpi della nostra e della vostra Costituzione fossero un retaggio da citare nelle occasioni pubbliche o nelle commemorazioni e poi tutto finisce lì. NO. Per l’ANPI questi princìpi sono vivi e per essi si deve lottare affinché i giovani sappiano che ci sono, e che è obbligo fondamentale di chi ci rappresenta custodirli come un bene prezioso e attuarli: farli diventare vita, realtà.

Ma se così è, allora occorre prendere decisioni anche impopolari e gravi, assumendocene la piena responsabilità: in questo caso mi riferisco all’invito che l’ANPI di Sanremo ha rivolto ai suoi iscritti a non presenziare quest’anno ufficialmente alla cerimonia commemorativa di Sospel, comunicando con questo scritto le nostre motivazioni, per testimoniare in modo palese il nostro dissenso critico verso scelte che ci hanno riportato, con i respingimenti e la chiusura delle frontiere, a tempi che – proprio grazie anche a questi Caduti – credevamo per sempre superati, facendoci sentire ben lontani da quel sogno d’Europa unita, fraterna e solidale a cui troppo spesso, nelle varie occasioni ufficiali, si fa riferimento con tante belle parole, che restano però sospese e vane nell’aria, agendo poi esattamente all’opposto!

L’ANPI di Sanremo dedicherà il giorno dell’anniversario a ricordare i Caduti di Sospel in altro modo, portando un sostegno a chi oggi è vittima di profonda ingiustizia storica contro cui la nostra Resistenza ha combattuto e per cui i Partigiani italiani e francesi dell’Alborea di Sospel, dopo infinite sofferenze, hanno sacrificato la loro giovane vita.
Per l’ANPI –sez. di Sanremo 

LaPresidente 
Amelia Narciso” da facebook dell’11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

CACCIA: CHIUSURA STAGIONE VENATORIA, CONSEGNA E RITIRO TESSERINI ENTRO 30 AGOSTO

Interessati circa 600 appassionati 

Pietrasanta_Caccia: c’è tempo fino al 30 agosto per la riconsegna del vecchio tesserino venatorio ed il ritiro del nuovo. Interessati circa 600 appassionati.

Entro questa data, ma non prima del 16 agosto, tutti i cacciatori in possesso dei tesserini venatori relativi alla stagione 2017-2018 dovranno provvedere alla loro consegna esclusivamente presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico ubicato al piano terra del Comune di Pietrasanta (Piazza Matteotti, 29). All’atto della riconsegna – ricorda il Comune di Pietrasanta – è necessario presentare: documento di identità in corso di validità; vecchio tesserino di caccia; licenza di caccia in corso di validità; allegato alla licenza di caccia (tesserino giallo); ricevuta di versamento della tassa di concessione governativa; ricevuta attestante il pagamento della quota annuale di iscrizione all’Ambito Territoriale di Caccia di competenza. Coloro che hanno invece riconsegnato il tesserino venatorio in data precedente, dovrà presentare il cedolino rilasciato dal Comune, attestante la riconsegna. Il ritiro del tesserino da parte di persona diversa dal titolare – fa sapere ancora il Comune di Pietrasanta – deve essere accompagnato da delega al ritiro nominativa, corredata da fotocopia del documento di identità del delegante.

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico è a disposizione per il ritiro nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 13.00. Per informazioni rivolgersi allo sportello Unico Attività Produttive (referente Jessica Nannetti allo 0584.795395.

Ufficio Stampa Comune di Pietrasanta , addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

BOOM DI VISITATORI PER PLINIO NOMELLINI A PALAZZO MEDICEO. SUPERATA QUOTA DUEMILA IN MENO DI UN MESE20170811_Baci-di-sole-Plinio-Nomellini20170811_2000-visitatori-per-Plinio-Nomellini

Seravezza_ Successo strepitoso in queste prime settimane di apertura per la mostra “Plinio Nomellini – dal Divisionismo al Simbolismo verso la libertà del colore” a Palazzo Mediceo. Duemila visitatori in meno di un mese e indice di gradimento alle stelle per un’esposizione che, proseguendo a questo ritmo, andrà a collocarsi fra quelle di maggior successo degli ultimi anni a Seravezza. La visitatrice numero duemila, salutata e omaggiata di un catalogo dal sindaco Riccardo Tarabella, ha varcato la soglia del Mediceo nel pomeriggio di ieri, giornata in cui Seravezza ha celebrato il patrono San Lorenzo. Molti i versiliesi e gli ospiti che hanno approfittato della festa per visitare non soltanto la mostra di Nomellini, ma anche i percorsi espositivi promossi dalla Fondazione Terre Medicee e curati dagli artisti Emanuele Giannelli, Gioni David Parra e Alfredo Rapetti Mogol lungo gli itinerari che collegano il Palazzo al centro storico del capoluogo. Tra i molti visitatori di ieri anche il nipote di Cornelio Palmerini, allievo di Arturo Dazzi ed autore dell’Apuano, il Monumento ai Caduti di Seravezza, che all’inizio del secolo intrattenne rapporti di amicizia con Nomellini nel corso dei lunghi e frequenti soggiorni del grande pittore labronico in Versilia.

La mostra andrà avanti fino al 5 novembre prossimo. L’orario estivo prevede aperture pomeridiane dal lunedì al venerdì (17-23) con estensione anche al mattino dalle 10:30 alle 12:30 il sabato, la domenica e nei festivi. Il biglietto intero costa 7 euro, quello ridotto 5. Per le famiglie (due adulti con ragazzi fino a 14 anni) è prevista una formula cumulativa a 14 euro. Visite guidate sono previste ogni martedì dalle 19 alle 20 (prezzo tutto compreso di 10 euro), mentre per i bambini sono previsti speciali percorsi guidati (tutti i giovedì dalle 19 alle 20, costo 6 euro) e il laboratorio “Divertiamoci imparando” (tutti i lunedì dalle 17,30 alle 19, costo 6 euro). Visite e attività didattiche sono a prenotazione obbligatoria. Info: 0584 757443, 0584 756046.

A cura di Nadia Marchioni, la mostra “Plinio Nomellini – dal Divisionismo al Simbolismo verso la libertà del colore” colma un vuoto di quasi vent’anni dall’ultima grande esposizione dedicata a Nomellini ed offre una prospettiva del tutto originale sull’opera del pittore livornese, contestualizzandolo per la prima volta nella vitale atmosfera della sua epoca e facendo emergere il dialogo che lo legò ai maestri e agli artisti che lo accompagnarono negli anni della formazione e della prima maturità. In esposizione oltre novanta dipinti, suddivisi in sette sezioni, tra i quali molti capolavori e opere inedite.

Ufficio Stampa Fondazione Terre Medicee

Stefano Roni,addì 11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^ìì

NIMBUS SURF HERO 2017: A MARINA DI PIETRASANTA SESSANTA BABY SURFISTI A CACCIA DELL’ONDA PERFETTA14435070_1198973816835922_4046044865028301156_o14362523_1198974063502564_1855987105166899470_o

Marina di Pietrasanta_Meteo e condizioni mare favorevoli alla pratica del surf e chiamata in vista, quindi, per il Nimbus Surf Hero 2017 domani (sabato 12 agosto) a Marina di Pietrasanta. Il contest, riservato ai giovanissimi surfisti under 12 e under 14, vede la collaborazione tra Nimbus Surfing Club di Fiumetto e Massasurfing Club del Cinquale nell’ambito dei rispettivi programmi di avviamento alla pratica sportiva. Attesi circa sessanta atleti da tutta la riviera. Le gare si svolgeranno nello specchio di mare antistante la base nautica del Nimbus in viale Roma 10 a Marina di Pietrasanta. Alla sera, dopo le premiazioni, proiezione del video “Surf in Versilia” realizzato da Giacomo Francesconi con la collaborazione di Nicola Bresciani e gran finale con un divertente surf party.L’iscrizione alla competizione è gratuita.

Info: Francesco Barbi, telefono 340 6435342, oppurenimbusclub@gmail.com
Ufficio Stampa Nimbus Surfing Club Marina di Pietrasanta
Stefano Roni – Scatizzi De Prà & Partners,addì 11.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

PARCHI PUBBLICI: APERTO UN NUOVO SPAZIO ATTREZZATO CON GIOCHI PER BAMBINI IN VIA PIRANDELLO A QUERCETA20170811_parco giochi via pirandello
Seravezza_ È aperto al pubblico e fruibile da alcune settimane in via Pirandello a Querceta un nuovo spazio attrezzato con giochi per bambini. Il piccolo parco è stato acquisito dal Comune grazie allo strumento della perequazione urbanistica a seguito di un intervento edilizio privato in zona.

Segreteria del sindaco

 

 

“DEMOCRAZIA E PROSSIMITÀ. RIAPPROPRIARSI DELLE PAROLE CON PRATICHE DI VITA”

Scuola formativa La Rosa Bianca a Terzolas,ed. 2017

Trento_La casa editrice Il Margine invia un aggiornamento relativo al programma della scuola di formazione estiva che inizierà fra qualche settimana a Terzolas (TN), con qualche nota aggiuntiva circa gli orari e i luoghi dove si svolgeranno alcune iniziative (a beneficio dei last minute,segnaliamo ancora la disponibilità di stanze per il soggiorno, per informazioni contattare via mail rosabianca@rosabianca.orgo il cell. 331 3494283 ).

La scuola avrà il seguente titolo: “Democrazia e prossimità. Riappropriarsi delle parole con pratiche di vita”La democrazia, infatti, come diceva Tina Anselmi “è un bene delicato, fragile, deperibile, una pianta che attecchisce solo in certi terreni, precedentemente concimati, attraverso la responsabilità di tutto un popolo. Dovremmo riflettere sul fatto che la democrazia non è solo libere elezioni, non è solo progresso economico. E` giustizia, è rispetto della dignità umana, dei diritti delle donne. E` tranquillità per i vecchi e speranza per i figli. E` pace.

Oggi, il mondo con cui ci confrontiamo è molto diverso rispetto a quello che abbiamo fino ad ora conosciuto e ci è richiesto di osservare il futuro con occhi nuovi; di pensarlo quale “un testo originale” che deve essere ancora scritto e ha bisogno del nostro apporto nel quotidiano di scelte coerenti e relazioni intense e vere.

La scuola di formazione, quindi, si propone, in un momento segnato da paure e precarietà di ogni tipo, di rispondere alla necessità di riscoprire ciò che più può creare legami e offrire possibilità di ripartire su un terreno comune per uno “sviluppo umano, sostenibile e integrale” (LS 18) passa dal coltivare e prendersi cura, consapevoli del fatto che le “gravi implicazioni ambientali, sociali, economiche, distributive e politiche, e costituiscono una delle principali sfide attuali per l’umanità” (LS 25).

Si tratta, in sintesi, di un’opportunità per declinare “I care”, il motto ripreso da don Lorenzo Milani in contrapposizione al “me ne frego” fascista,  in una proposta  per il cuore e per lo spirito ma anche in una chiara indicazione di scelte economiche e di stile di vita.

La Casa Editrice IL MARGINE, nella convinzione che la promozione di appuntamenti culturali possano offrire un buon contributo per sviluppare una riflessione profonda sulla situazione presente e per provare ad immaginare traiettorie nuove per un futuro di speranza, promuove convintamente questo importante appuntamento ed invita tutte le persone interessate.

Il programma è disponibile qui in allegato e di seguito sul sito www.rosabianca.org.

Confidando, dunque, di poterci vedere a questi appuntamenti, estendibili anche alle persone che pensi possano essere interessate, colgo l’occasione per porgere i miei più cordiali saluti.

Andrea Schir- presidente

Casa editrice Il Margine srl,addì 11.8.2017

 

 

CONGRESSO NAZIONALE AICAT 2017unnamed

Nuovo Blog Liberacronaca2 da Maisons Lafitte (Parigi) n.2231 del 10 e 11 agosto 2017

https://liberacronaca2.wordpress.com/

Libero foglio on line del Comune di Stazzema e dell’Alta Versilia: Storia, Arte, Tradizione, Politica, Informazione.

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronaca2 sarà seguita da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE:

  1. Il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni.
  2. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole.
  3. E’ assicurato il diritto di replicare.
  4. Evitare le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc…

Precisato ciò, il blog  liberacroanaca2 non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

 

NB: Qualora il giornaliero link di Libera Cronaca che inviamo non giunga a destinazione si può accedere al blog attraverso Googles scrivendo  semplicemente liberacronaca2 unitamente alla data e poi cliccare.

 

 

Blogger Giuseppe Vezzoni

 

giuseppevezzoni@gmail.com

 

NOTA STAMPA DEL VICESINDACO E ASSESSORE ALL’URBANISTICA VALENTINA SALVATORI IN MERITO ALLA RIATTIVAZIONE DELLA CAVA MEDICEA SUL MONTE COSTA

Seravezza– In merito a quanto di recente pubblicato sui quotidiani locali
relativamente alla procedura di autorizzazione per la riattivazione della
“Cava Medicea” sul Monte Costa, si rendono necessari alcuni chiarimenti.
In primo luogo, occorre far presente che la procedura amministrativa è
ancora aperta e al vaglio degli uffici comunali, questi ultimi ancora in
attesa di ricevere tutti i pareri rilasciati dagli Enti competenti. Le
indicazioni e i numeri resi noti dal Movimento 5 Stelle sulla stampa
riguardano pertanto il progetto presentato dalla Società Costa Medicea,
ancora da sottoporre a valutazione finale da parte del Comune di
Seravezza, che si riserva di prendere visione di tutto il materiale e dei
contributi pervenuti prima del rilascio dell’autorizzazione in sede di
“Conferenza dei servizi decisoria”, secondo le procedure previste.

Il progetto è stato presentato con una richiesta di autorizzazione per la
durata di sedici anni, dei quali i primi otto sarebbero dedicati alle
attività di messa in sicurezza del fronte interessato, attraverso la
rimozione dei detriti di cava abbandonati in un contesto caratterizzato da
un rischio franosità molto elevato (livello 4) sopra un corso fluviale.
Nei successivi otto anni sarebbero invece svolte attività estrattive di
materiale ornamentale.

Il Piano Regionale delle Attività Estrattive del 1997 riconosce il Monte
Costa come area estrattiva. In sede di elaborazione del nuovo PRAE, tra il
2003 e il 2007, il Comune di Seravezza condivise con la Regione la scelta
di escludere il Monte Costa dalle aree estrattive, ma la previsione non
ebbe attuazione a causa della mancata pianificazione da parte della
Provincia che, non avendo mai adottato il Piano provinciale, di fatto ha
confermato le scelte compiute dalle Amministrazioni Comunali che hanno
amministrato il nostro Comune negli anni ‘90. Solo di recente, però,
l’area è rientrata all’interno del perimetro di area contigua del Parco
delle Alpi Apuane. Secondo gli uffici comunali questo fatto, unitamente
all’entrata in vigore del nuovo Piano per il Parco il 30 giugno scorso,
comporta l’obbligo di acquisire l’autorizzazione paesaggistica, prima non
prevista. Tale autorizzazione dovrebbe dunque andare ad ampliare il
contenuto istruttorio della procedura in corso. Anche alla luce di ciò, è
intenzione dell’Amministrazione avviare un’attenta valutazione di tutti i
profili rilevanti (di tutela ambientale, paesaggistica, di sicurezza),
anche al fine di ragionare sulle quantità, il numero degli accessi da
parte dei camion e la durata dell’autorizzazione – che potrebbe essere
rilasciata per periodi di tempo più limitati, coerenti con la durata
quinquennale dell’autorizzazione paesaggistica – al fine di garantire un
più penetrante controllo sulle attività estrattive.

L’Amministrazione ha ben presente la procedura in corso ed è consapevole
della necessità di affrontare e risolvere i problemi di sicurezza del
fronte connessi a un elevato rischio frana sopra il Torrente Vezza, da un
lato, e dei problemi altrettanto seri legati all’impatto che l’attività
estrattiva avrebbe sul territorio, dall’altro lato. Abbiamo infatti dato
mandato all’ufficio urbanistica di chiedere un approfondimento non solo
sotto il profilo paesaggistico, ma in generale sugli importanti valori in
gioco, con l’intento di stimolare su questo una riflessione e un confronto
con la Regione e la Provincia, che negli anni hanno effettuato diversi
sopralluoghi e ben conoscono la situazione. Di sicuro affronteremo la
questione con lo stesso rigore e attenzione con cui le Amministrazione di
centrosinistra di Seravezza, fin dai primi anni 2000, hanno scelto e
portato avanti la linea del “no” alle escavazioni di inerti e del “sì” a
quelle (contingentate, controllate, sottoposte a verifica di filiera,
ecc.) di marmi da ornamento. Siamo consapevoli sia della fragilità estrema
del sito, sia delle preoccupazioni dei cittadini in merito alla possibile
ripresa delle attività: per questo siamo convinti che le scelte debbano
essere caute, ponderate e, soprattutto, rivolte alla soluzione concreta
dei problemi del territorio.

Valentina Salvatori

Vicesindaco e Assessore all’Urbanistica

Seravezza, 10 agosto 2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 DOMANI, 11 AGOSTO 2017,  RICORDO DEL MEDAGLIE D’ORO  DON INNOCENZO LAZZERI E DON FIORE MENGUZZO

Sarà presente Don Armando Zappolini vittima degli attacchi di Forza Nuova per il suo impegno per l’integrazione. Presenti i ragazzi di Stazzema

Stazzema_ Si svolgerà anche quest’anno il giorno 11 agosto a partire dalle ore 9,30 il ricordo della Medaglia d’oro al Valor Civile e Giusto tra le Nazioni Don Innocenzo Lazzeri e della Medaglia al merito Civile Don Fiore Menguzzo. Il 12 agosto 1944 la furia cieca dei nazifascisti si abbatté sul paese di Sant’Anna di Stazzema con l’uccisione di 560 civili inermi tra cui il parroco Don Innocenzo Lazzeri  e ancor prima, una colonna di nazifascisti diretta a Sant’Anna, colpì con altrettanta ferocia il paese delle Mulina di Stazzema. Nel paese di Mulina, composto da poche anime, caddero a seguito di una delazione, sei civili, tra cui il parroco, Don Fiore Menguzzo di Cascina, ma originario di Castello Tesino (TN), insignito nel 1999 della Medaglia d’oro al Merito Civile e la sua famiglia. Don Innocenzo Lazzeri e Don Fiore Menguzzo erano colpevoli, se così si può dire, di aver svolto sino in fondo senza negare a nessuno la loro assistenza, la loro missione di religiosi che alla fuga preferirono il martirio. Anche quest’anno l’Amministrazione Comunale intende ricordare la memoria di Don Innocenzo Lazzeri che lo scorso anno fu insignito anche dell’onorificenza dello Stato di Israele di Giusto tra le Nazioni per aver dato soccorso  nel 1943 ad una famiglia di ebrei di Marina di Pietrasanta, gli Sraffa. Le celebrazioni si svolgeranno prima a Pontestazzemese, paese natale di Don Innocenzo Lazzeri, con la deposizione di alcuni mazzi di fiori e quindi, nella Chiesa della Mulina di Stazzema che fu di Don Fiore Menguzzo: sono state invitate le delegazioni dei Comuni della Versilia e di quelle Amministrazioni che hanno sottoscritto un Patto di Amicizia, ovvero, i Comuni di Stazzema, Cascina, Castello Tesino, Domodossola, Pescaglia e Pisa, uniti nel ricordo della figura di Don Fiore Menguzzo.

Oratore ufficiale nella Chiesa di Mulina di Stazzema sarà Don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, oggetto alcuni mesi or sono del vergognoso attacco dei militanti di Forza Nuova che hanno affisso davanti alla chiesa di Santa Lucia a Perignano, nel comune di Casciana Terme-Lari, uno striscione recante la scritta ‘Zappolini eretico’ per la  scelta del parroco di celebrare la festa islamica di fine del Ramadan e per il suo impegno per la concessione dello Ius Soli. Saranno presenti i ragazzi del Centro Estivo di Mulina di Stazzema.

“La memoria non è un esercizio sterile del ricordo”, commenta il Sindaco Maurizio Verona, “ ma un impegno quotidiano affinché le ideologie che propugnavano e propugnano morte, discriminazione, soppressione dei diritti, non trovino oggi spazio e nuova diffusione. Abbiamo bisogno che i giovani sappiano, che possano far proprie queste storie e raccogliere il testimone per la costruzione di una cultura della pace. Abbiamo voluto invitare un prete che  combatte ogni giorno la cultura della discriminazione, della divisione, dell’odio con le armi pacifiche dell’impegno quotidiano e della vera integrazione che significa spesso fare un passo incontro a chi la pensa diversamente da noi, professa un’altra religione, ha un altro colore della pelle”.

Stazzema, 8 agosto 2017

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI PER IL RICORDO DELLE MEDAGLIE D’ORO  DON INNOCENZO LAZZERI E DON FIORE MENGUZZO

Venerdì 11 agosto si svolgerà a Pontestazzemese e Mulina di Stazzema a partire dalle ore 9:30.

Nella giornata di venerdì 11, a Sant’Anna di Stazzema,  alle ore 15:00 è previsto l’arrivo della Camminata per la Pace- Monte Sole- Sant’Anna di Stazzema;

alle 17:30 presso il Museo Storico andrà in scena “La carne dell’orso”, narrazione scenica a cura di Edvige Ciranna con contributo musicale a cura di Marco Remondini (in collaborazione con Associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema e ANPI Monzuno);

alla sera, dalle 21:15, la Fiaccolata silenziosa, il Tradizionale omaggio alle vittime organizzato dall’Associazione Martiri di Sant’Anna, dalla Piazza della Chiesa lungo la via Crucis, con arrivo al Sacrario.

Ringraziando per la collaborazione, porgiamo cordiali saluti.

Parco Nazionale della Pace

Museo Storico della Resistenza,addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

SETTANTATRE ANNI FA LA STRAGE DELLA SASSAIA FATTA DAI NAZISTI COME RAPPRESAGLIA  PER L’UCCISIONE DI MILITARI TEDESCHI10-agosto-2017-Commemorazione-strage-della-Sassaia

Massarosa- Forte dei Marmi _  Oggi corre il  73° Anniversario della strage nazista della Sassaia di Massarosa. Dopo 60 anni dall’eccidio, il 10 agosto 2004 si tenne la prima commemorazione ufficiale dell’eccidio di 38 civili, di cui sette residenti a Forte dei Marmi, promossa dai comuni di Massarosa e Forte dei Marmi. La strage di 31 persone avvenne come rappresaglia a seguito dell’ uccisione di due militari tedeschi. In un secondo tempo furono aggiunti alle uccisioni già perpetrate anche sette  civili  di Forte  Marmi, i quali, pur in possesso di un documento che gli consentiva  una visita ai parenti  rilasciato loro dal comandante del Campo di Lavoro di Socciglia furono catturati e uccisi.  L’unico superstite fu Edilio Dazzi, morto recentemente, il quale, ferito, restò fino al buio sotto la catasta dei 38 cadaveri e poi corse a dare l’allarme  dell’eccidio perpetrato.

Giuseppe Vezzoni,addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DOMANI POMERIGGIO IL COMUNE DI PISA E IL CIRCOLO CULTURALE IL MOSAICO RICORDANO  DON FIORE MENGUZZO E I SUOI FAMIGLIARI

invito-73°-don-fiore (1)

invito-73°-don-fiore-2-3-4

Pisa_ Don Fiore Menguzzo e i suoi familiari (sepolti nella Cappella San Giovanni del Cimitero Suburbano di Pisa), trucidati a Mulina di Stazzema dalle SS tedesche, furono i primi martiri delle centinaia che il sabato mattina del 12 agosto 1944 composero il sacrificio immane di quella che in tutta Italia è conosciuta come la strage di Sant’Anna di Stazzema.

Nel 73° Anniversario di quella strage il Comune di Pisa (sottoscrittore nella memoria di Don Fiore Menguzzo di un Patto di Amicizia con i Comuni di Stazzema, Cascina, Castello Tesino, Domodossola e Pescaglia) e l’Associazione Culturale IL MOSAICO ricordano il sacerdote ucciso con la celebrazione della Messa di suffragio nella cappella dove egli è sepolto insieme ai suoi familiari.

11 Agosto 2017, ore 17.30 Pisa, Cimitero Suburbano, Cappella San Giovanni

Ore 17.30 – Afflusso Autorità e invitati, posizionamento dei labari dei Comuni e delle Associazioni combattentistiche e partigiane

Ore 17.45 – Introduzione del Presidente de Il Mosaico Riccardo Buscemi Saluto del Sindaco di Pisa Marco Filippeschi Saluto del Presidente del Consiglio Comunale di Pisa Ranieri Del Torto

Ore 18.00 – Prolusione/commemorazione di Don Fiore Menguzzo

Ore 18.15 – Santa Messa di suffragio celebrata da Don Andrea Antonelli

Durante la cerimonia presterà servizio la Filarmonica Sangiulianese

Da Riccardo Buscemi

Re: Caro Riccardo, con molto rincrescimento, ma i doveri famigliari quest’anno sono prevalenti, non posso partecipare alla quarta commemorazione di don Fiore Menguzzo e dei suoi famigliari che il Comune di Pisa e l’associazione culturale Il Mosaico hanno iniziato a celebrare dall’11 agosto 2014.

Seppur lontano, Giuseppe Vezzoni e il Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema saranno idealmente presenti alla cerimonia e ringraziano, oltre al comune di Pisa e l’associazione Il Mosaico, tutti i partecipanti, famigliari, autorità civili, militari e religiose, per aver onorato la figura di don Fiore e dei suoi cari nel 73esimo anniversario dell’eccidio di Mulina di Stazzema, che si celebra ogni undici agosto solo per non creare sovrapposizione con la cerimonia di Sant’Anna di Stazzema, ma che rappresenta il primo episodio di omicidio plurimo che i nazifascisti perpetrarono il 12 agosto 1944, data in cui si ricorda la strage di Sant’Anna di Stazzema.

Domenica 20 agosto, alle ore 21, presso la chiesa di San Rocco di Mulina di Stazzema, proprio per ricucire lo strappo partecipativo che ha creato questo improrogabile impegno famigliare, si terrà un concerto della memoria  promosso dal Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema in collaborazione dell’Unità pastorale Alta Versilia Due.  Lo terranno musicisti di altissimo valore  che nei prossimi giorni ufficializzeremo unitamente al programma della serata.

Per concludere, vorrei sottolineare che questa cerimonia commemorativa ben compendia l’impegno che il comune di Pisa si è solennemente assunto nel firmare, l’11 agosto 2013 in Mulina di Stazzema,  il Patto di Amicizia nelle cui finalità v’è il mantenimento della memoria su quanto avvenne 73 anni fa nella piccola frazione stazzemese e la valorizzazione della figura di don Fiore e dei suoi famigliari, martiri recuperati al tributo resistenziale dopo un oblio durato 47 anni.

Con vicinanza,

Giuseppe Vezzoni e Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema

Maisons Lafitte, addì 10 agosto 2017

NB: Questo testo è stato inviato stamani a Riccardo Buscemi, presidente dell’Associazione Il Mosaico, come motivazione della nostra assenza ma anche come forma partecipativa alla cerimonia di Pisa.  Sarà letto domani pomeriggio durante la cerimonia di Pisa.Per quanto concerne quella di Mulina, il labaro sarà presente.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DECORO: “ARTISTI DI STRADA” BIVACCANO (E SPORCANO) NEL CENTRO STORICO, SINDACO LI FA ALLONTANARE

7 gli identificati: si tratta di vagabondi abituali (punkabbestia). Anche 4 cani senza guinzaglio.Rischio contagio pulci e zecche: al via sanificazione parco giochi. Foto punkabbestia stazione PietrasantaFoto artisti di strada allontanati dal centro

Pietrasanta_ Bivaccano nel centro storico. Il Sindaco chiama la Polizia Municipale e li fa allontanare. Identificati i sette presunti “artisti di strada”, tutti italiani, che si erano accasati prima di fronte al Teatro Comunale e poi, la mattina, nel parco della Lumaca, in via della Rocca. Le sette persone individuate erano accompagnate da quattro cani, tre di taglia grande, privi di guinzaglio e museruola, e si erano esibite, poche ore prima, “imbrattando” il pavimento di via di mezzo con murales e disegni. Finito il loro presunto spettacolo avevano deciso di trascorrere la notte all’ombra del campanile dove in piena notte sono stati raggiunti dalla prima volante.

Dura la presa di posizione del primo cittadino che ha avvertito le forze dell’ordine: “gli artisti di strada sono ben altra cosa. Questi sono quel genere di artisti che la sinistra cittadina vorrebbe far esibire la sera nel centro storico e nei confronti dei quali si sono schierati quando abbiamo approvato, lo scorso anno, il regolamento per disciplinare dove ed in quale forma è possibile esibirsi. Hanno prima scarabocchiato i piastroni di via di Mezzo manomettendo il principio di decoro, poi si sono spostati alla stazione a chiedere gli spiccioli per poi tornare nel parco della Lumaca in uno spazio destinato ai bambini e alle famiglie per dormire. Se questa è l’immagine che la sinistra cittadina e la minoranza vogliono dare non coincide con l’immagine che la mia amministrazione vuole dare della città a residenti e turisti. Non vogliamo questo genere di artisti a Pietrasanta. Gli artisti di strada sono dei professionisti che lo fanno di mestiere. Questi erano dei vagabondi: sudici, maleodoranti e con animali tenuti senza dignità.– tuona Mallegni – Lo spettacolo a cui abbiamo dovuto assistere era vergognoso. Qui non c’è posto per loro”. 

Nel centro storico sono intervenuti anche i Carabinieri: “abbiamo richiesto la presenza del corpo dell’arma per verificare la loro identità. – spiega Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – Si tratta di vagabondi abituali o meglio conosciuti come punkabbestia. Erano già stati allontanati nel pomeriggio per le stesse motivazioni. Sono ritornati durante la sera”.

Il parco giochi è stato chiuso temporaneamente a scopo precauzionale, per consentire la sanificazione dell’area ed evitare il contagio di zecche e pulci dovuto alla presenza dei cani che hanno dormito nell’area dove i bambini abitualmente giocano. Nell’area sono stati rinvenuti anche rifiuti di ogni genere. Il parco sarà riaperto entro le prossime 24 ore.

Ufficio stampa Comune di Pietrasanta, addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^

ISTRUZIONE E FORMAZIONE SUPERIORE: COMUNE E FONDAZIONE TERRE MEDICEE ADERISCONO AL POLO TECNICO PROFESSIONALE FOR.TU.N.A. NEL SETTORE TURISMO EBENI CULTURALI

Seravezza_ Rafforzare le sinergie e l’integrazione tra enti pubblici, aziende e istituti scolastici per qualificare la formazione professionale nei
settori del turismo e dei beni culturali. È l’obiettivo che si pone il
Polo Tecnico Professionale For.tu.n.a. al quale aderiscono una trentina di
soggetti che operano sul territorio provinciale e del quale fanno parte
adesso anche il Comune di Seravezza e la Fondazione Terre Medicee. La
firma di adesione è stata posta nei giorni scorsi a Lucca dal sindaco
Riccardo Tarabella. Altri enti versiliesi che aderiscono sono il Comune di
Viareggio e l’Istituto di Istruzione Superiore “Marconi” con sedi a
Viareggio e Seravezza.

For.tu.n.a. (acronimo di Formazione in turismo, natura e arte) è uno dei
venticinque Poli Tecnico Professionali costituti in Toscana su impulso
della Regione con l’obiettivo di “creare sinergia tra i diversi soggetti
dell’offerta formativa e le imprese, condividendo professionalità e
logistica, analisi di fabbisogni e progettualità” attraverso la
costituzione di un accordo di rete che, nel caso specifico, raggruppa
operatori della filiera del turismo e dei beni culturali. Il Polo si
propone quindi di “rafforzare la competitività e l’occupazione dei
lavoratori di un settore strategico per la Toscana, qualificando la
formazione di tutte le diverse figure – tecniche e professionali –
coinvolte nella filiera produttiva”. Il soggetto capofila e di
coordinamento è l’Istituto Superiore d’Istruzione di Barga. Tra gli
aderenti, con Seravezza, figurano la Fondazione Campus di Lucca, la
Fondazione Giovanni Pascoli di Barga, la Confesercenti Toscana Nord, la
Provincia e la Camera di Commercio di Lucca, la Fondazione TAB (di cui
fanno parte, tra gli altri, Comune, Università e Confindustria di Firenze)
e alcune imprese turistiche quali Il Ciocco di Barga, il Grand Hotel
Guinigi e l’Hotel Ilaria di Lucca.

«Crediamo che per facilitare il cammino dei nostri giovani verso il
mercato del lavoro si debba puntare sulla formazione qualificata e
sull’integrazione fra il mondo della scuola e quello dell’impresa»,
spiega
il sindaco Tarabella. «È il modello che abbiamo scelto per la nascente
Scuola del Marmo ed è il naturale percorso che oggi ci porta a entrare
nel Polo Tecnico Professionale For.tu.na., nell’ambito del quale ci
auguriamo che possano svilupparsi interessanti opportunità di offerta
formativa qualificata per i nostri ragazzi nei settori del turismo e dei
beni culturali. Della rete fa parte l’ISI “Marconi”, che ha percorsi di
studio nel settore alberghiero e in quello professionale, tra i quali la
Scuola del Marmo: motivo in più per esserci anche come Comune e Fondazione nell’ottica di una collaborazione sempre più stretta con l’istituto».
Segreteria del sindaco di Seravezza,addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^

EVENTI: FINE SETTIMANA DI CONCERTI, GRANDE SUCCESSO PER IL WEEK END IN MUSICA DI PIETRASANTAFoto Concerto Schola Cantorum

 Foto concerto Filarmonica Capezzano Monte

Esibizioni di Schola Cantorum, Coro Versilia e Filarmonica di Capezzano Monte. L’amministrazione Mallegni celebra le eccellenze del territorio

 

Pietrasanta_ Tre concerti che, in un week end centrale dell’estate, hanno messo in luce le più grandi eccellenze del territorio. Pietrasanta, reduce dall’enorme successo delle serate medievali, festeggia anche il fine settimana in musica che ha visto protagonisti Schola Cantorum, Coro Versilia e Filarmonica di Capezzano Monte. Tre performance straordinarie di gruppi che rappresentano un pezzo di storia e di cultura popolare della città, con esibizioni applaudite nell’incredibile cornice del Duomo di San Martino e nello spettacolare scenario della Cava di Capezzano Monte. Un tris di eventi che hanno animato le serate di venerdì, sabato e domenica, richiamando appassionati di musica, residenti e turisti italiani e stranieri. In platea anche l’assessore Cinzia Crivelli e il consigliere Matteo Marcucci, presenti in rappresentanza dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni, da sempre vicina alle realtà che contribuiscono a diffondere il nome della Piccola Atene nel mondo.

 

“Pietrasanta è una città d’arte a 360 gradi – dice il consigliere Marcucci – Stiamo potenziando la nostra vocazione, dando spazio non solo a mostre e artisti, ma anche alla danza e ora alla musica. Schola Cantorum, Coro Versilia e Filarmonica di Capezzano Monte sono ambasciatori della nostra città in Italia e all’estero, costituiscono un importante veicolo di promozione da valorizzare. Dobbiamo ringraziare anche Monsignor Stefano D’Atri per aver messo il Duomo a disposizione della Schola Cantorum, facendo un gradissimo regalo ai cittadini e ai visitatori che in queste notti estive frequentano il nostro bellissimo centro storico”.  

 Ufficio stampa comune di Pietrasanta, addì 10.8.2017 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

ARTE: PESCI STRAVAGANTI E MULTIFORMI IN SALA GRASCE, ECCO IL “MARE NOSTRUM” DI STEFANO PILATOLocandina Mostra Mare Nostrum Stefano Pilato

 

Pietrasanta­ _Una fauna di pesci colorati e dalle forme bizzarre, pescati non in mare ma sulla terraferma. E’ il “Mare nostrum” di Stefano Pilato, che per le prossime due settimane trasformerà la Sala delle Grasce in un grande acquario popolato da specie sconosciute, creature marine nate dall’estro dell’artista e dalla sua capacità di utilizzare materiali di riciclo. Nel complesso di Sant’Agostino, immersi nel cuore della piccola Atene, i pesci di Pilato nuotano per farsi ammirare nella loro unicità. Scorfani e cavallucci marini, riprodotti da componenti di utensili smembrati, oggetti che fanno parte del nostro quotidiano, scoprono una seconda vita. Le sculture di Stefano Pilato solleticano la curiosità di chi le guarda, si fanno apprezzare nei minimi dettagli, nei particolari che le rendono tanto più strabilianti perché realizzati con pezzi di banali attrezzi da lavoro.

 

Il taglio del nastro, alla presenza di Paola Brizzolari, consigliere comunale con delega alla Cultura, è in programma venerdì 11 agosto alle ore 18.00. La mostra proseguirà fino a domenica 27 agosto, con apertura dalle 18.00 alle 20.30 e dalle 22.00 alle 24.00. L’evento è organizzato dal Comune di Pietrasanta, in collaborazione con Fondazione Versiliana e StArt, con il prezioso contributo della Galleria Enrico Paoli. Info: Centro Culturale “L. Russo”, via S. Agostino 1, 0584.795500, www.museodeibozzetti.it.

 Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì 10.8.2017  

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 

ARTE: SORENSEN SALUTA CON OLTRE 20MILA PRESENZE,IN PIAZZA DUOMO ARRIVANO I MONOLITI DI PARK EUN SUN  Foto Park Eun Sun Pontile di Tonfano

Pietrasanta_ La mostra di Jørgen Haugen Sørensen saluta con oltre 20mila presenze in poco più di un mese il centro storico di Pietrasanta. In Piazza Duomo, nel complesso del Chiostro di S. Agostino e a Tonfano è in dirittura d’arrivo l’allestimento della mostra monumentale del coreano Park Eun Sun che terrà compagnia ad appassionati e turisti fino al 29 ottobre. L’artista coreano, nato a Mok-po, nella Corea del Sud, vive e lavora a Pietrasanta ormai stabilmente dove è arrivato per apprendere le tecniche di lavorazione del marmo. E’ tra gli artisti coreani contemporanei più importanti del panorama mondiale. 

Giù installate e visibili alcune delle sue sculture realizzate in marmo e granito più imponenti e maestose come l’Accrescimento colonna infinita II alto 7 metri e Generazione II in granito nero e verde, la Continuazione – Duplicazione in Piazza Duomo mentre Piazza Amadei, di fronte al Pontile di Tonfano, ospita la mastodontica Accrescimento colonna infinita da alcuni giorni diventata uno degli scorci più fotografati dai turisti sul litorale. La mostra è promossa dal Comune di Pietrasanta e Fondazione Versiliana nell’ambito del progetto S.T.Art – Grandi Eventi ed affianca il potente palinsesto culturale organizzato per il periodo estivo. Vernissage venerdì 11 agosto, alle ore 19.00 nel Chiostro di S. Agostino alla presenza del Sindaco, Massimo Mallegni e dell’artista.

In programma lunedì 14 agosto anche una giornata dedicata alla cultura coreana con spettacoli, abiti tradizionali e calligrafia (ingresso libero) organizzata in collaborazione con l’Istituto Culturale Coreano.

La mostra di Park Eun Sun resterà dal 10 agosto all’10 settembre con orario 19.00 – 24.00, dal 12 settembre al 1 ottobre dalle ore 17.00 alle 20.00 e sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00, dal 3 al 29 ottobre dalle 16.00 alle 19.00 e sabato e domenica dalle 00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Lunedì chiuso. L’ingresso è libero.

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^         

 

SOCIALE: TORNA “PIETRASANTA WRITERS”,LA STREET ART DECLINATA NEL SEGNO DELLA SOLIDARIETÀ  

 

Estemporanea di graffiti organizzata dal PCA, Progetto Comunità Aperta, 20 artisti in concorso, ospiti d’eccezione i grandi writer italianiFoto Pietrasanta Writers

 

Pietrasanta_ La street art diventa solidale. La Piccola Atene riapre le porte a “Pietrasanta Writers”, rassegna a scopo benefico giunta alla terza edizione e organizzata dal PCA, Progetto Comunità Aperta, che da sempre si occupa sul territorio di problemi di dipendenze.  Un evento che richiamerà anche i big dell’arte di strada, dal Maestro Tano Pisano a Angelo Fornaciari, da Alfio Bicchi a Pablo Emilio Gironda per finire con Maurizio Esposito, super quotato e considerato a tutti gli effetti un grande artista contemporaneo. L’appuntamento è per sabato 12 agosto, a partire dalle ore 17.00 fino alle 21.30, in via Stagio Stagi che, per l’occasione, si trasformerà in una lunga galleria a cielo aperto con oltre 30 metri di pannelli da disegnare a colpi di spray colorati. 20 i writer in gara, con giuria estemporanea quanto la rassegna: a decidere i vincitori saranno i passanti, che potranno votare i graffiti più d’impatto esprimendo le loro preferenze con un biglietto da inserire nell’apposita urna. “Una manifestazione che ha l’obiettivo di far conoscere la realtà del Progetto Comunità Aperta alla città – spiega Valentina Torri, psicologa del PCA – Parteciperanno nel rispetto della privacy anche alcuni dei nostri ragazzi, che potranno compiere un ulteriore passo nella direzione del ritorno alla normalità”.

 

Un grande appuntamento nel segno dell’integrazione, con ospiti d’eccezione gli anziani di Villa Ciocchetti e i giovani della Casa di Alice. “Un’occasione importante – spiega Nando Melillo, operatore PCA – per tornare a parlare di sanità, un tema delicato che riguarda tutti da vicino e che in questo momento sul territorio sta attraversando una fase di criticità, di cui si parla troppo poco”. L’iniziativa vedrà anche uno spazio per i bambini, con pannelli a disposizione dei piccoli writer e intrattenimento con i trucchi di Mago Silvano. Per i più grandi concerto on the road dei Venia, noto gruppo di musica popolare. Al termine piccolo rinfresco per tutti. L’evento è patrocinato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimo Mallegni. “Un grande contenitore – dice l’assessore al Sociale, Lora Santini – studiato per avvicinare tutte le fasce della comunità alla realtà del PCA, che per il nostro territorio rappresenta una grande risorsa, è una vera opportunità per tanti giovani di lasciarsi alle spalle i loro problemi e ricominciare, scoprendo che si può guardare al futuro con fiducia”. All’evento prenderanno parte i volontari del Banco Alimentare gestito dal PCA, pronti a raccogliere i prodotti donati da artisti e visitatori. Per i graffiti migliori in premio buoni da spendere in un colorificio della zona, per i baby writer in palio buoni yogurt offerti dalla Gelateria di Mezzo. Sponsor della rassegna Ristorante Quarantuno, Cornici e Dintorni e Mundialseri, con la preziosa collaborazione di Fabrizio Verona, anima dell’organizzazione.

 

Ufficio stampa comune di Pietrasanta,addì 10.8.2017

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

STASERA TOPETTI A MAISONS LAFITTEDSCN9317DSCN9315

 

Anche Elisa stasera ha gustato  per la prima volta i “topetti” (gnocchi) fatti in casa di nonna Rossella. Meglio li ha letteralmente divorati. Un poco di versiliesità culinaria non guasta e la nipote più piccola li ha apprezzati tanto, più della maggiore, che fa la “parigina”.

Giuseppe Vezzoni,addì 10.8.2017